Cannella: gli innumerevoli pregi di una spezia speciale


di Michela Carola Speciani
05 Giugno 2015

La cannella è una spezia che si odia o si ama. Chi la ama, e la vuole vicina al gusto e al palato, è fortunato perché la cannella è potente nell'esaltare il gusto e anche il benessere.

La cannella, che può essere messa davvero dovunque, dal caffè all'arrosto, ha un'azione antiossidante potentissima, tanto che messa in cottura con qualsiasi cosa si stia cucinando garantisce una migliore conservazione dei grassi e un maggior mantenimento delle caratteristiche positive precottura.

La sua capacità antiossidante risulta essere addirittura tre volte quella della curcuma e circa quattro quella dello zenzero.

L'azione della cannella è anche immunomodulatoria, grazie alla regolazione cellulare dell'NF-kB, molecola di segnale che agisce tra le altre cose sulla risposta allo stress, sul sistema immunitario e sull'infiammazione.

Ecco che la cannella trova possibile spazio nel trattamento delle patologie allergiche, autoimmuni, infiammatorie.

Per gli stessi motivi è stata proposta come coadiuvante nel trattamento dell'ulcera gastrica da H. Pilori, in cui il danno tissutale è dovuto più alla reazione abnorme dell'organismo che all'agente infettivo in quanto tale.

La cannella ha inoltre un'interessantissima azione di riduzione della resistenza insulinica e di miglioramento del profilo lipidico, che la rende particolarmente appetibile per chi soffra di sindrome metabolica oppure stia cercando di far tornar belli gli esami del sangue (e il sangue) o ancora ci tenga alla propria salute.

Ultimamente è stata poi indagata con successo la funzionalità della spezia nella regolarizzazione del ciclo mestruale: 420 mg di cannella tre volte al giorno durante il primo giorno di ciclo hanno ridotto significativamente il sanguinamento, la nausea e il vomito nei primi tre giorni di ciclo rispetto al placebo, senza effetti collaterali particolari, nel gruppo di donne analizzato.

Non è tutto: lo stesso gruppo di ricercatori ha fornito in doppio cieco a un gruppo di 114 donne 420 mg di cannella, una media dose dell'antidolorifico d'indicazione classica, o il placebo, per controllare il dolore mestruale. I risultati migliori in termini di riduzione del dolore sono stati ottenuti dal farmaco antidolorifico. Il risultato ottenuto con la cannella era tuttavia nettamente superiore a quello del placebo.

I vantaggi in ambito gonadico sono potenzialmente presenti anche per gli uomini che potrebbero veder migliorati i parametri di funzionalità, vitalità e motilità dei propri spermatozoi. Ottime notizie quindi per chi stia cercando di metter su famiglia.

La cannella è una sana compagna e un'amica di quelle che si è grati di avere a fianco. Se non ne avete in casa, entrate in un supermercato e compratene una confezione, per cominciare subito ad usarla.

Un esempio interessante, soprattutto se siete abituati a dolcificare l'espresso, è quello di usare la cannella nel caffè al posto dello zucchero per ottenere sani vantaggi.

Perché non aggiungerla poi nel curry, nell'arrosto o nella preparazione, ad esempio, di gustosi biscotti speziati?

La cannella, per coloro a cui piace, trova il suo spazio dappertutto e gliene possiamo davvero essere grati.