Sport e Benessere

Aspirina: azione preventiva sui polipi intestinali e riflessioni sulle terapie a basso dosaggio

[contenuto per utenti registrati] {rokaccess author,special}*?* I risultati di questi studi sono stati pubblicati di recente sul New England Journal of Medicine (Sandler RS et al. A randomized trial of aspirin to prevent colorectal adenomas in patients with previuous colorectal cancer, N Engl J Med 2003 Mar 6; 348:883-90 - Baron JA et al. A randomized trial of aspirin to prevent colorectal adenomas, N Engl J Med 2003 Mar 6; 348:891-9 - Imperiale TF Aspirin and the prevention of colorectal cancer, N Engl J Med 2003 Mar 6; 348:879-80).In uno degli studi, al quale hanno partecipato 1121 pazienti già sottoposti di recente alla rimozione di almeno un polipo, ai partecipanti è stata somministrata quotidianamente una dose di aspirina da 325 mg (il dosaggio della classica aspirina americana) oppure da 81 mg (solo un quarto di compressa, un dosaggio normalmente ritenuto insufficiente) oppure un placebo.Lo studio è stato interrotto dopo solo 33 mesi perché i benefici della bassa dose sono stati fin troppo evidenti: le differenze statisticamente significative si sono infatti registrate tra chi assumeva 81 mg di aspirina e chi assumeva il placebo. Circa la metà dei partecipanti che ha assunto placebo (47%) o aspirina ad alta dose (45%) ha sviluppato un nuovo polipo, contro solo un terzo del gruppo al quale era stata somministrata aspirina a bassa dose (38%).RiflessioniUfficialmente la scienza sostiene che 81 mg di aspirina non servono, però non si spiega perché in casi come questo 325 mg non funzionano e 81 sì.Per noi che lavoriamo regolarmente sul recupero della tolleranza mediante l'uso di vaccini a bassa dose, i risultati di questo studio non appaiono affatto sorprendenti. Sappiamo inoltre, grazie allo studio delle intolleranze alimentari quanto possa essere significativa per il benessere individuale anche l'assunzione di quantità minime di salicilati naturali attraverso il cibo (vedi la relativa scheda).Per ulteriori informazioni sulle bassi dosi, si rimanda al lavoro presentato al congresso europeo di allergologia, tenutosi a Berlino tra il 9 e il 13 maggio 2001. Staff Eurosalus {/rokaccess}


SARS: dall'OMS il primo allarme mondiale da 10 anni. Nessun farmaco, ma tante possibili difese


Chi corre vive di più, non si ammala di osteoporosi e percepisce la vita con più gioia

Si parla di: Osteoporosi


lianem / 123RF Archivio Fotografico

Iperico, la pianta del sorriso

Si parla di: Depressione



L'angolo del dottore
Di Attilio Speciani

Le intolleranze alimentari non esistono: un aperitivo editoriale e un libro per capire a fondo questo tema

Si parla di: Infiammazione da cibo

In una intervista video di circa 15 minuti ho risposto ai dubbi sul tema delle ormai obsolete “intolleranze alimentari”. La scienza è già oltre, riconoscendo gli aspetti infiammatori del cibo e la necessità di personalizzazione senza rinunce. Tutti gli alimenti possono tornare a far parte di una dieta varia e completa. 


ULTIME NOTIZIE


30 minuti al giorno di attività fisica e si previene il diabete di tipo 2

Si parla di: Obesità, Diabete


Studi su genoma e cromosomi, per confermare che lo sport fa bene


Silybum marianum, una pianta per il fegato


La phaseolamina nel controllo del peso