I batteri della pancia: proteggono e mantengono in salute


di Michela Carola Speciani
24 Gennaio 2014

Per qualcuno potrebbe anche essere una sorpresa: "ci sono dei batteri nella pancia?".

Ebbene sì: i batteri ci sono e hanno tantissime funzioni importanti.

Tra le altre, digeriscono un po' della cellulosa vegetale che mangiamo, permettono il ricircolo degli acidi grassi, mantengono l'intestino in salute.

Alterazioni dell'abitazione batterica dell'intestino umano creano problemi su vari livelli. Le alterazioni dell'alvo (come e quanto si va in bagno) sono tra queste.

Ecco che il rinforzo e il supporto della "flora intestinale" viene usato come strumento terapeutico nel caso di intestino irritabile, di mal di pancia ricorrente, e di disturbi gastrointestinali di altro tipo.

Supportare i batteri buoni dell'intestino protegge anche da altro e il fatto di avere dei batteri sani e forti nella pancia evita ad esempio tutte quelle "infezioni opportunistiche".

Si dice così di quei batteri (o funghi) che pur non essendo patogeni nella maggior parte dei casi e vivendo serenamente a contatto coll'organismo umano, trovano talvolta nicchie proficue all'interno delle quali espandersi e infettare.

I batteri buoni della pancia, difendendo il loro spazio evitano che questo accada, proteggendo da infezioni talvolta ricorrenti quali cistiti batteriche, candida o infezioni di altro tipo, come quelle delle vie respiratorie.

Proteggendo l'integrità dell'intestino, i batteri buoni proteggono anche dalle allergie.

Non finisce qui: le alterazioni della flora intestinale sono state correlate anche con alcuni disturbi di tipo psichiatrico e si pensano correlati quindi anche ad alterazioni dell'umore e disturbi d'ansia, come si legge su Medical Hypotheses.

Lo stress, che è stato definito uno degli elementi di accensione di parecchi disturbi psichiatrici, agisce anche riducendo la flora batterica intestinale che rappresenta così uno dei possibili meccanismi concomitanti allo sviluppo della problematica.

Il modo più semplice per preservare questa risorsa così potente è una buona e rispettosa alimentazione: la scelta di cereali integrali, il controllo dell'infiammazione da cibo e una buona masticazione sono tra le variabili che più influiscono sulla salute dei batteri dell'intestino, sapendo che all'occorrenza anche un buon integratore o un probiotico efficace possono essere utili strumenti di difesa e di benessere.