Quanto influisce la bevanda zuccherata (bevande alla frutta e sport drink compresi) sulla mortalità?


di Michela Carola Speciani
22 Maggio 2019

Nednapa Chumjumpa / 123RF Archivio Fotografico

Che l'utilizzo frequente di bevande zuccherate sia un problema per la salute è ormai comunemente noto. Ma quanto?

Uno studio pubblicato su Circulation in aprile 2019 ha coinvolto 37.716 uomini e 80.647 donne, è durato 34 anni e ha approfondito il tema analizzando la mortalità messa in relazione proprio con l'assunzione di bevande zuccherate.

I dati ottenuti sono stati aggiustati per fattori inerenti la qualità generale della dieta e lo stile di vita e stratificati per la frequenza di assunzione, confrontando la mortalità di chi assumeva meno di un drink al mese con quella di chi ne assumeva di più.

Il rapporto con gli zuccheri resta un elemento fondamentale nella gestione della salute generale e comprenderlo meglio per agire di conseguenza può essere uno strumento importantissimo, non solo a livello preventivo, ma anche per stare meglio nella propria quotidianità.

I risultati hanno evidenziato un lieve incremento della mortalità, non significativo statisticamente, per chi consumava da una a quattro bevande zuccherate al mese e mortalità più elevate per assunzioni più frequenti. Per l'esattezza, l'incremento è stato del 6% tra le 2 e 6 assunzioni settimanali, del 14% per la singola assunzione giornaliera e del 21% per 2 o più assunzioni al giorno. In particolare l'associazione è stata evidenziata anche con la mortalità cardiovascolare e con quella tumorale.

Quando si parla di bevande dolcificate è facile pensare ai soft drink, ma è utile ricordare che si sta parlando anche di bevande alla frutta, sport drink, e in generale di tutte quelle bevande a cui sia aggiunto del dolcificante (calorico, in questo caso). 

Se l'uso sporadico di bevande di questo tipo può essere affrontato con relativa serenità, quello che ci ricorda questo studio è che evitarne il consumo frequente o quotidiano resta decisamente una buona idea.

Il rapporto con gli zuccheri resta un elemento fondamentale nella gestione della salute generale e comprenderlo meglio per agire di conseguenza può essere uno strumento importantissimo, non solo a livello preventivo, ma anche per stare meglio nella propria quotidianità.

Bibliografia essenziale