Curare l'asma integrando il Selenio


di Attilio Speciani
09 Luglio 2008

La pubblicazione di un lavoro americano su Allergy (Hoffmann PR, Allergy 2008 Jul;63(7):854-6) ripropone il ruolo di estrema importanza svolto dal Selenio nella regolazione del sistema immunitario.

In particolare il ricercatore Hawaiano ha potuto evidenziare che l'asma peggiora quando lo stress ossidativo non è controllato. Una carenza di Selenio impedisce di riequilibrare il pattern ossidativo del sistema biologico, e porta ad una accentuazione della attività di cellule Th2.

L'esacerbazione dell'asma è sempre accompagnata da un peggioramento dello stress ossidativo, e l'incorporazione del Selenio nelle selenoproteine consente di ridurre la componente infiammatoria ed ossidativa.

Niente di nuovo sotto il sole, almeno per quanto riguarda Eurosalus. Da sempre sosteniamo l'importanza di una alimentazione ricca di minerali e vitamine, ed uno dei motti di Eurosalus è "Crudo Vivo e Colorato", in riferimento alla necessità di introdurre frutta e verdura nell'alimentazione per mantenere in equilibrio la capacità di controllare le allergie.

Rimane la riflessione sul fatto che pur avendo scoperto che un giusto apporto di Selenio è in grado di controllare perfino le infezioni da virus terribili come quelle da "virus Ebola" e che oggi sappiamo che un corretto reintegro di questo minerale (magari bilanciato in una composizione mista come in Oximix 2+ o in Cellfood) di fatto ci accorgiamo che la scelta alimentare, di fronte ad un ragazzo o ad un adulto che sviluppino una patologia asmatica, rimane la "Cenerentola" e prima di intraprendere delle semplici modifiche della alimentazione, di documantato effetto sulle allergie, passano mesi o anni in cui l'asma è solo trattata ad antibiotici e cortisone con effetti cumulativi devastanti per la persona stessa.