Allergie stagionali: sopravvivere agli starnuti e respirare la primavera


di Michela Carola Speciani
11 Aprile 2014

Primavera: le giornate si allungano, i colori fioriscono e gli allergici starnutiscono forsennatamente, assumono antistaminici o vanno in giro con gli occhi rossi e tirando su col naso.

È il quadro usuale, e chi soffre di questo tipo di allergia stagionale (come succede anche per le allergie perenni) si sente spesso in balia dei farmaci per potersi tenere a galla faticosamente tra un sintomo e l'altro e senza possibilità alcuna di serena autonomia.

Eurosalus ha spesso trattato il tema di come le allergie stagionali possano essere trattate con grandi soddisfazioni anche in termini di autonomia individuale, grazie al controllo dell'infiammazione da cibo sottostante.

Le indicazioni fornite hanno spesso determinato l'inizio di un percorso di controllo della propria sintomatologia e del proprio benessere.

È importante conoscere quali sono le basi scientifiche che portano alla strutturazione di un percorso terapeutico specifico come quello che da anni è utilizzato nel Centro Medico SMA di Milano per accompagnare delicatamente e con sicurezza i pazienti attraverso la gioia di una stagione che sia "respirata".

Gli articoli che Eurosalus ha nel tempo pubblicato sono moltissimi:

E molti altri che trattano della relazione presente tra infiammazione generale e scoppio dell'allergia.

Gli stessi concetti sono stati ampiamente e dettagliatamente illustrati nel libro "Come una pentola a pressione" di Attilio Speciani e Gabriele Piuri (disponibile sia in edizione cartacea che come ebook).

Si tratta di situazioni nelle quali il percorso specifico che da anni SMA utilizza può essere la base di un cammino che, integrando e rispettando i trattamenti più classici, porta alla positiva acquisizione di nuova autonomia e serenità: per tornare a godere dei profumi e dei colori della primavera e potersi permettere il lusso di dimenticare a casa il fazzoletto.