Stitichezza addio con i giusti rimedi naturali


di Gabriele Piuri - Medico Chirurgo
26 Febbraio 2013

DOMANDA

Buongiorno, con il RecallerProgram mi è stata diagnosticata intolleranza a latte, lieviti e frumento. Sto seguendo da tre settimane la dieta di rotazione e assumendo Olio di Perilla ed Enzitasi, ma ho ancora forti problemi di stitichezza e gonfiore addominale. Cosa posso fare?

RISPOSTA

Gentilissima Lettrice,

sei sicuramente sulla giusta strada: alla base della stitichezza c'è spesso un problema di ipersensibilità alimentari da affrontare. Con un test come RecallerProgram è possibile identificare le personali ipersensibilità alimentari e impostare una schema dietetico volto al recupero della tolleranza. Ci saranno quindi dei giorni in cui evitare gli alimenti a cui si è maggiormente sensibili (nel tuo caso latte, lieviti e frumento) e dei giorni in cui invece reintrodurli magari in piccole quantità con una modalità che rispecchia in tutto e per tutto lo svezzamento infantile.

Utili anche due prodotti come Olio di Perilla ed Enzitasi. Il primo ha una profonda azione antinfiammatoria grazie al suo contenuto bilanciato di acidi grassi polinsaturi, mentre Enzitasi è una miscela di enzimi digestivi efficacissima per mettere la pancia nelle condizioni migliori per funzionare favorendo i processi di digestione del cibo, ridurre il malassorbimento e la fermentazione intestinale e di conseguenza la pancia gonfia.

Quando si parla di stitichezza e gonfiore addominali è importante puntare l'attenzione sulla masticazione. Masticare, oltre a essere uno dei meccanismi migliori per mantenere la tolleranza, favorisce i processi digestivi favorendo il transito intestinale e limitando i processi di fermentazione. Per imparare a masticare è utile appoggiare la posata tra un boccone e l'altro senza riprendere in mano la forchetta prima di aver finito di masticare con cura e inghiottito.

Quando si cambia alimentazione può capitare che l'intestino impieghi un po' di tempo ad adattarsi con fenomeni come stitichezza e diarrea. Proprio per questo è bene avvicinarsi a un nuovo regime alimentare in maniera graduale ed eventualmente con l'aiuto di medici, biologi e farmacisti esperti che sappiano guidare in ogni passaggio il recupero della tolleranza.

Contro la stitichezza è di grande aiuto il magnesio. Bisogna però scegliere con attenzione il prodotto da utilizzare. Gli integratori di magnesio non sono tutti uguali: alcuni sali di magnesio vengono scarsamente assorbiti a livello intestinale e hanno un effetto irritativo che rischia di essere controproducente.

Ci sono poi sali di magnesio (come il magnesio oxiprolinato, bisglicinato, glicerofosfato ecc.) che vengono assorbiti quasi completamente ed evitano di irritare ulteriormente l'intestino. Questi sali di magnesio sono efficacissimi contro la stitichezza perché stimolano naturalmente la peristalsi intestinale.

Tra i prodotti che più spesso utilizzo nella mia pratica clinica contro la stitichezza ci sono Magnesio+, Oligo Mag Plus e MetaRelax. Rimando alla descrizione del prodotto per avere indicazioni precise sui dosaggi e sulla modalità di assunzione.