Prova costume? Meglio dormire (nei weekend)


di Michela Carola Speciani
21 Giugno 2017

konstantynov / 123RF Archivio Fotografico

Lo studio è pubblicato su Sleep, e riguarda il rapporto "peso/altezza in metri al quadrato" (altresì noto come BMI, Body Mass Index, o IMC, Indice di Massa Corporea) di chi dorme nei weekend più che nel resto della settimana.

Il rapporto indicativo per la composizione corporea tende, secondo lo studio, a ridursi man mano che le ore di sonno recuperate nel fine settimana aumentano: a un maggior numero di ore di sonno recuperate nel weekend corrisponderebbe un rapporto migliore in termini di riduzione del peso proporzionale all'altezza.

Ora, sappiamo che il peso non è la miglior variabile da valutare quando si sta parlando di composizione corporea e che, anzi, talvolta è un buon segno che il peso salga invece che ridursi (il muscolo, a parità di volume, pesa molto di più del grasso).

Nei grandi numeri, comunque, il BMI resta un indicatore relativamente funzionale. Per altro, la relazione tra sonno e attività ormonale e metabolica è già nota, per cui l'associazione tra sonno e miglioramento della composizione corporea è scientificamente fondata.

Dormire il giusto numero di ore è importante per la salute, e recuperare il sonno perduto durante la settimana nei weekend è utile, anche per dimagrire.

Il miglioramento della composizione corporea in chi dorme di più nei weekend che durante la settimana può essere legato a più variabili.

La prima è sicuramente quella del recupero delle ore di sonno: dormire troppo poco rende più facilmente di cattivo umore, e tende ad acuire situazioni di stress con il relativo effetto metabolico e infiammatorio, che agisce in modo predisponente all'accumulo di massa grassa. Il recupero del fine settimana stimolerebbe in questo senso il riassestamento dei parametri.

D'altra parte, recupera il sonno nei weekend chi mantiene una settimana tendenzialmente attiva, regalandosi del sano relax due giorni alla settimana.

Anche la capacità di dormire qualche ora in più rappresenta una variabile importante. È vero infatti che oggi sono molte le persone che hanno difficoltà a dormire un po' di più in maniera serena. Questo è in genere legato ad abitudini nutrizionali o di stile di vita sbagliate (eccessiva restrizione calorica, eccesso calorico a cena, non controllo dei picchi glicemici, mancanza di attività fisica...) che impattano inevitabilmente anche sulla composizione corporea. 

Agire sulla propria qualità del sonno è importante per la salute di ciascuno e rispettare le necessità di relax almeno nel fine settimana, o durante i giorni di pausa lavorativa, è utile a mantenere il proprio equilibrio felice (e la propria taglia più vicina a quella desiderata).

Trovare il modo di farlo è essenziale e, in questo caso, cercare il supporto di un medico può essere importante.

Bibliografia essenziale