Infiammazione e Allergia

Allergie: quando il problema è la testa

Ma che cos'hanno in testa i ragazzi di oggi? È presto detto: tintura per capelli. In Gran Bretagna ne fanno uso un'ampia maggioranza delle ragazze (circa l'85%) e un terzo dei maschi (33%). È una diagnosi che, del resto, si può fare quasi sempre a prima vista, dal momento che i colori scelti sono inesistenti in natura, almeno nella limitata tavolozza delle chiome umane: arancione, verde, blu elettrico. Lungi da noi la tentazione di criticare queste scelte cromatiche dal punto di vista estetico. Ogni epoca ha una sua idea della bellezza e ogni civiltà i suoi trucchi per ottenerla. I capelli poi sono da sempre particolarmente sensibili alle mode. Nel Settecento anche gli uomini li nascondevano sotto voluminose parrucche, negli anni Venti del Novecento, invece, anche le donne li tagliavano cortissimi, à la garçonne. Il problema non è estetico, ma sanitario. Come tutti i coloranti, anche le tinture per capelli sono una fonte prodigiosa di allergie. Il sospetto circolava già da tempo: adesso riceve una conferma, obiettiva e irrefutabile, dalla scienza. In un articolo pubblicato dal British Medical Journal (JP McFadden et al, BMJ 2007; 334: 220) un gruppo di studiosi riferisce i risultati di una ricerca condotta a Londra: a causa dell'uso crescente di tinture per capelli tra i giovani, è in forte crescita anche l'incidenza dei casi di dermatiti e tumefazioni in alcune zone del viso (in particolare fronte, orecchie, collo e palpebre). In soli sei anni la percentuale di popolazione affetta da queste patologie è raddoppiata. In alcuni casi la reazione allergica è lieve e dà luogo ad arrossamenti del cuoio capelluto e a sgradevoli sensazioni di prurito. Ma spesso la sensibilità della pelle alla parafenilendiamina (il composto presente nella quasi totalità delle tinture) o al nichel solfato è così esasperata da provocare danni più seri, tanto da costringere al ricovero ospedaliero. Il paradosso è insomma questo: per la smania di diventare più belli si corre il rischio di attraversare un periodo di ripugnante bruttezza, con la pelle arrossata e il volto gonfio e tumefatto. Meglio talvolta rinunciare al colore e salvarsi la pelle.


Bianco ma non innocente! Stitichezza e intestino immobile tra gli effetti collaterali del latte

Si parla di: Intolleranze alimentari, Colite, Stitichezza, Diarrea


I malati di Crohn hanno anticorpi contro il pane: perché nessuno gli dice di toglierlo?


Il letto sfatto e la disfatta degli acari

Si parla di: Asma



L'angolo del dottore
Di Attilio Speciani

Sale, pressione bassa e caldo: che follia!

Si parla di: Pressione bassa, Ipertensione, Disturbi della circolazione

Per contrastare la pressione bassa non serve il sale comune, presente in pane, biscotti, brioche, salumi, formaggi e grissini, ma il potassio, rintracciabile in albicocche, patate e semi oleosi. Soprattutto con il calore estivo, l'eccesso di sali di sodio acuisce la stanchezza e il senso di gonfiore. 


ULTIME NOTIZIE


Quei segni sul viso lasciati da latte e formaggi: altre evidenze del rapporto acne/latticini

Si parla di: Intolleranze alimentari, Acne, Obesità


Nuovi cereali alla ribalta: amaranto e quinoa sulle nostre tavole


Ma quanto Nichel mangiamo?

Si parla di: Allergia, Intolleranze alimentari


Al via il bollettino dei pollini

Si parla di: Asma


Allergie


Fitoterapia nell'asma. Più efficace del cortisone, ma poco studiata