Dimagrimento, benessere e cultura del cibo sono ottimi regali di Natale


di Attilio Speciani
24 Novembre 2014

Gluten sensitivity, indice glicemico, dimagrimento e buon gusto possono andare d'accordo anche con le festività natalizie.

Per il prossimo Natale, infatti, Fondazione Rava ha preparato con il nostro aiuto due innovativi cesti regalo e li ha fortemente voluti nel suo Catalogo di Natale 2014 (pagina 12).

Non è stato facile mettere d'accordo gusto, tradizione, piacere e salute, ma alla fine ce l'abbiamo fatta e i due cesti possono essere acquistati per il proprio piacere personale, per un regalo "giusto" da fare a chi abbia infiammazioni da cibo o intolleranze di qualsiasi tipo o per una esperienza culturale diversa.

Il primo cesto (Alla Scoperta di Nuovi Cereali) contiene paste, gallette e farine (oltre a una pasta di mandorle crude e a una ottima polpa di pomodoro) adatti sia al celiaco sia a chi soffra di Gluten Sensitivity (intolleranza al glutine non celiaca) ed è perfettamente indicato anche a chi voglia assaggiare qualche sapore diverso, per avvicinarsi alla proposta culturale di varietà alimentare sana che noi di Eurosalus suggeriamo ogni giorno.

La dottoressa Chiozzi e la dottoressa Camerotto, che da queste pagine danno ogni giorno suggerimenti nutrizionali e di salute, hanno scritto assieme a me la parte, per così dire, scientifica e culturale di due semplici opuscoli che corredano ognuno un cesto.

Marina Necchi invece si è dedicata a preparare e organizzare le ricette gustose pubblicate sui due opuscoli, che consentono di utilizzare al meglio i prodotti contenuti nei cesti. Lì potrete trovare le indicazioni semplici per preparare ad esempio i "tagliolini all'ortica con pomodoro, verdure e gamberetti" e i "cuori di cioccolato", nello stile con cui lei presenta le ricette sul blog o nella sua pagina Facebook.

Il secondo cesto (Goloso per la Tolleranza) invece affronta un tema che va oltre la conoscenza dei cereali e affronta quel paradosso di cui spesso parliamo. Anche la golosità, se ben gestita, può essere sana. Nel nostro recente libro sulle prime colazioni abbiamo ribadito che le "coccole dolci" sono parte dei bisogni dell'uomo e vanno semplicemente gestite con intelligenza perché la gioia di un momento gustoso contribuisca a mantenere la salute.

Così abbiamo scelto dei prodotti che, anche se dolci, sono a bassissimo indice glicemico. Basti pensare ai Brutti e Buoni Veniani o alle mandorle di cioccolato e cannella di Damiano, ricoperte di cioccolato di qualità: si tratta di prodotti dolciari a basso contenuto di zucchero, ricchi di proteine (mandorle, uovo) per ridurre l'induzione di resistenza insulinica e poi adatti alle persone con reazioni ai lieviti, al glutine e ai latticini. Ogni ricetta presenta anche le varie versioni per chi abbia reazioni ai diversi gruppi alimentari.

I produttori sono stati scelti per la qualità dei vari preparati, nella quasi totalità biologici, e per il gusto che li caratterizza. Diciamolo con franchezza, si può mangiare bene e con gusto anche mangiando sano. In questi cesti ne abbiamo la dimostrazione.

Ecco perché anche in un cesto che apparentemente potrebbe sembrare solo un modo più gustoso per fare del bene attraverso un regalo e per aiutare i bambini di Haiti attraverso la fondazione Rava, abbiamo messo la stessa passione che anima la nostra ricerca e la nostra pratica clinica.

Fare un regalo di questo tipo significa aprire una nuova chiave di comprensione dei possibili effetti positivi del cibo sulla salute. Con gioia e con gusto, per un Natale diverso.