Resistere al caldo con meno sale e più frutta


di Attilio Speciani
28 Giugno 2016

L'estate è arrivata e con il 21 giugno puntualissime sono arrivate anche temperature estive, afa e spossatezza.

Tutto questo si traduce in meno voglia di fare, con il rischio di tralasciare il movimento che è parte integrante di un sano stile di vita e di compromettere così la corsa alla prova costume.

Meglio organizzarsi per fare attività fisica al mattino presto, quando è ancora fresco, per godere tutta la giornata di un marcia in più.

Con il caldo devono cambiare le abitudini sia sul fronte dell'attività fisica sia su quello dell'alimentazione e quindi cambia stagione e cambia la cucina.

La prima cosa da fare per poter sfoggiare gambe asciutte e toniche è ridurre il sale e soprattutto gli alimenti che ne sono intrinsecamente ricchi come pane, prodotti da forno, affettati e formaggi.

Ridurre effettivamente il sale anche solo per un paio di giorni è sufficiente per trovarsi 1-2 kg di acqua in meno, sentendosi piacevolmente più sgonfi e meno affaticati fin dai primi caldi.

Meglio preferire alimenti freschi e rapidi da cucinare: un'insalata con pomodori, mandorle essiccate, un paio di uova sode, qualche mirtillo per dare ancora più gusto e una manciata di semi di sesamo accompagnata da qualche galletta di grano saraceno potrebbe rappresentare il menù ideale per una cena coloratissima e salutare.

Frutta e verdura devono campeggiare sempre sulla tavola estiva per reintegrare tutti i sali minerali che si sono persi con il caldo.