La creatina: un aiuto per i muscoli e... la mente!


di Mattia Cappelletti
10 Maggio 2018

ljupco / 123RF Archivio Fotografico

La creatina è un supplemento molto noto agli sportivi, utile nel favorire la forza ed il recupero muscolare.

Proprio per queste sue caratteristiche è largamente usata in ambito atletico, e ci siamo già occupati di descriverne gli effetti sulla performance, dosi e modalità di assunzione.

Un aspetto “innovativo” però viene dall'ipotesi che, trattandosi di un composto essenziale del cervello, possa aiutare le funzioni cognitive migliorando la disponibilità energetica e svolgendo un ruolo neuroprotettivo.

La supplementazione con creatina ha evidenziato un netto miglioramento della memoria a breve termine e delle capacità intellettive e di ragionamento.

È proprio del mese scorso la pubblicazione di una review sistematica (l'analisi di tutti gli studi sperimentali condotti su un determinato argomento) sul ruolo nella funzione cognitiva della supplementazione con creatina in soggetti sani.

In letteratura scientifica sono stati individuati sei studi sull'argomento, per un totale di 281 soggetti esaminati, quindi i numeri non consentono ancora di trarre conclusioni certe. Tuttavia la supplementazione con creatina ha evidenziato un miglioramento netto della memoria a breve termine e delle capacità intellettive e di ragionamento.

Per quanto concerne la memoria a lungo termine, l'affaticamento e l'attenzione invece i risultati dei vari studi sono contrastanti e quindi non si possono definire effetti né in positivo né in negativo.

Non bisogna dimenticare però che il miglioramento della memoria a breve termine e delle capacità di ragionamento si va ad aggiungere agli effetti della creatina su massa magra e performance (dove aumenta la forza e riduce i tempi di recupero).

In conclusione, pare proprio che questo supplemento non sia “tutto muscoli e niente cervello”, e che quindi abbia le carte in regola per poter uscire dalle palestre ed essere usato anche come aiuto alla mente!

Bibliografia essenziale