L'esperto risponde

Gabriele Piuri

Risposta di Gabriele Piuri


martedì, 5 giugno 2012 7:10

Orticaria: ecco come intervenire naturalmente

Domanda

Buongiorno, da anni ho un problema sulla pelle delle braccia, del collo e sento che c'è anche sulla testa sotto i capelli. Comincia come una puntura da zanzara, provoca un prurito forte. Poi, (forse anche perché mi gratto) si formano delle croste. Sono stata dal mio medico e anche da un dermatologo (sia in Italia che in Canada) ma nessuno sa cos'è, ma non lo prendono neanche molto sul serio. Non mi hanno fatto fare alcun test. Mi crea un disagio fisico e psicologico, dato che è anche molto antiestetico. La ringrazio.

Risposta

Gentilissima Lettrice,
una situazione come questa deve essere approfondita innanzitutto con un test per la diagnosi delle eventuali allergie alimentari ritardate come potrebbe essere il Test DRIA o il RecallerProgram. Sulle eventuali positività riscontrate si imposterà una dieta di rotazione volta al recupero della tolleranza immunologica. Recuperare la tolleranza vuol dire ridurre l’infiammazione da cibo e quindi ridurre la sintomatologia.

Se la sintomatologia non dovesse risolversi è importante effettuare altri accertamenti con l’effettuazione o di un Prick Test o di un Patch Test o eventualmente di un RAST Test, per la ricerca dei una componente allergica immediata. In aggiunta è importante valutare la formula leucocitaria con particolare riferimento agli eosinofili, la complementemia (C3 e C4), VES, PRC e naturalmente il dosaggio delle IgE totali.

In acuto è possibile intervenire utilizzando dell’Apis mellifica 5 CH e dell’Histaminum 12 CH di cui utilizzare 3-4 granuli 4-5 volte al dì al bisogno, anche ogni ora, riducendo la sintomatologia in base al miglioramento ottenuto. Entrambi questi rimedi naturali svolgono una buona azione di riduzione delle reattività allergiche e spesso sono molto efficaci in situazioni come quelle descritte.

In aggiunta è possibile utilizzare una combinazione di Olio di ribes nero e di Olio di perilla utilizzando 1 perla dell’uno e dell’altro a prima colazione e a cena per cicli di circa un mese serenamente ripetibili nel corso dell’anno. Il giusto equilibrio tra acidi grassi polinsaturi contenuti in questi oli vegetali è di grande aiuto per modulare l’infiammazione.

Utile anche l’integrazione minerale con una miscela di oxiprolinato come quella contenuta in un prodotto come Oximix 3+ di cui utilizzare 2,5 ml a prima colazione in abbondante acqua o succo per cicli di circa 40 giorni eventualmente ripetibili.

Orticaria Rimedi naturali Domanda

POST PRECEDENTI...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Oligoelementi: anche per i più piccoli?

Spesso l'integrazione minerale è più che sufficiente a ridurre sensibilmente la frequenza di malattie da raffreddamento anche nei più piccoli. Senza dimenticare l'importanza di frutta...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Fibromialgia: come ridurre l'infiammazione?

La fibromialgia è una patologia multifattoriale che deve essere affrontata da prospettive differenti con l'obiettivo di ridurre l'infiammazione e mettere l'organismo nelle condizioni migliori per...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Ovaio policistico: meglio fare attività fisica

Contro una patologia come la policistosi ovarica il cambio di stile di vita è fondamentale per ridurre la resistenza insulinica.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

La dieta può aiutare contro il Morbo di Crohn?

In caso di Morbo di Crohn una corretta impostazione alimentare rappresenta una valido supporto alla terapia farmacologica: ecco qualche suggerimento.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Come leggere gli esami della tiroide?

Ecco tutte le indicazioni utili per comprendere il significato dei più comuni esami tiroidei con qualche suggerimento per stimolare il buon funzionamento della tiroide.

I NOSTRI ESPERTI
L'ESPERTO RISPONDE

SINTOMI & MALATTIE

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    171 malattie presenti