Attenzione alla dieta: mangiare troppo poco alla lunga fa ingrassare


di Michela Carola Speciani
25 Gennaio 2017

AnaBGD / 123RF Archivio Fotografico

Le diete ipocaloriche sono tra i metodi più tipici con cui le persone sono convinte che perderanno peso in maniera efficace.

La verità è diversa ed è che con una dieta ipocalorica di durata medio-lunga, il peso si perde, ma è un peso che rappresenta per lo più il muscolo e non il desiderato grasso.

Non esistono scorciatoie per la perdita di grasso e l'impegno è necessario. Usare il proprio impegno nel modo giusto è altrettanto essenziale.

Quello che succede con una dieta ipocalorica di durata medio lunga è che l'organismo riduce i consumi portandosi verso l'utilizzo del muscolo per produrre energia e verso l'accumulo di grasso come risorsa: è come se i nostri geni, affamati dalla dieta, avessero paura di morire di fame.

Dimagrire in maniera efficace richiede impegno: bisogna andare in palestra, fare sport e nutrirsi bene. Ridurre in maniera eccessiva quello che si mangia è una soluzione che rischia di essere solo dannosa.

È il motivo per cui in genere le persone che fanno affidamento sulla sola bilancia credono di dimagrire efficacemente seguendo una particolare dieta ipocalorica e quando ricominciano a mangiare come prima della dieta riprendono tutti i chili persi, con gli interessi.

Il muscolo viene consumato e il grasso è sempre più pronto ad accumularsi alla prima occasione possibile.

La massa magra è una risorsa essenziale: riduce la mortalità, mantiene sani e fa dimagrire.

Ridurre la propria massa magra riducendo eccessivamente quello che si mangia è davvero dannoso in termini sia di salute che di vero dimagrimento.

È altresì importante ricordare che a parità di volume, il muscolo pesa significativamente di più del grasso: 1 litro di grasso pesa 0.9 kg mentre 1 litro di muscolo ne pesa 1,1. Lo stesso peso può essere decisamente diverso a livello di forma, a seconda che sia fatto di grasso o di muscolo e lo fa notare con evidenza Kalsey Wells, blogger statunitense.

La vera soluzione per perdere grasso e mettere su muscolo c'è e si chiama movimento fisico, che a sua volta deve essere abbinato a un supporto nutrizionale sufficiente.

Se l'attività fisica c'è, ma non è supportata dalle sufficienti calorie, il risultato è lo stesso: il muscolo si riduce e l'organismo è stimolato ad accumulare massa grassa.

Per altro, il raggiungimento di un livello soglia di massa magra (di muscolatura) è essenziale per la perdita di grasso.

Quando una persona con poco muscolo vuole dimagrire, è essenziale che prima costruisca la massa magra che le permetterà di farlo. Il calo di peso di una persona con poco muscolo è in genere un calo di peso davvero preoccupante, che predispone a recuperi ancora peggiori.

Se l'obiettivo è dimagrire davvero in vista dell'estate, è il momento di prendere il proprio impegno e di indirizzarlo verso qualcosa di sensato come ad esempio fare colazione ogni mattina, mangiare le giuste proteine (a partire dalla colazione e ad ogni pasto) e muoversi.

Costruire massa magra e dimagrire in maniera efficace è molto più facile di quello che si crede ed è possibile per tutti e ad ogni età. La dieta ipocalorica non è il metodo per arrivarci.

Diverso il caso dei semi-digiuni (di breve durata) o dei digiuni brevi, che hanno evidenziato uno stimolo della sensibilità insulinica (risultano protettivi nei confronti di diabete e sindrome metabolica). Ma il digiuno deve essere breve, simile a un fisiologico momento in cui per qualche giorno si ha voglia di mangiare un po' di meno prima di tornare a mangiare, normalmente, un po' di più.

Mangiare troppo fa male, mangiare troppo poco fa male tanto quanto. La vera differenza lo fa il mangiare “bene”, scegliendo con attenzione cosa mangiare e quando farlo, con il giusto abbinamento di attività fisica a fare da supporto.