Dopo i 70 anni, la pressione un po' alta aiuta a vivere meglio e più a lungo


di Attilio Speciani
11 Gennaio 2016

Uno dei disagi più presenti nelle persone avanti negli anni è la mancanza di forza e di energia.

Troppo spesso visito persone di una certa età che prendono farmaci per la pressione alta e che alla misurazione evidenziano valori di 120/70 o anche meno, ottimi valori per un trentenne, ma meno adatti ad un settantacinquenne.

Quando da distesi li faccio sedere, spesso la pressione si abbassa ulteriormente, raggiungendo valori da "bambino".

Avviene spesso così: tra i 40 e i 60 anni si è iniziato a prendere la pillola (più spesso "le pillole") per la pressione e queste sono diventate un'abitudine. Quindi in molti casi la pressione va a valori di 130/70 che sono perfetti tra i 40 e i 60 anni, ma negli anni successivi, quando le arterie si induriscono lievemente, gli anziani potrebbero avere bisogno di una pressione arteriosa un po' più elevata per fare funzionare al meglio il cervello e soprattutto per stare in piedi senza vacillare e cadere.

Le persone con la pressione arteriosa più bassa, talvolta troppo bassa, sono spesso al centro di cadute e di traumi. La rottura del femore o il trauma cranico sono all'ordine del giorno.

Fa bene ricordare che la pressione arteriosa ha delle oscillazioni diurne e notturne importanti. Così, chi di giorno si misura 130/70 rischia di notte di avere 100/60 e di cadere per terra senza accorgersene quando magari si alza dal letto solo per fare pipì...

Da qualche anno, sono finalmente comparsi alcuni lavori scientifici che evidenziavano questo problema, riconoscendo che i valori richiesti per le persone di mezza età possono essere troppo bassi per chi invece ha più di 70 anni, obbligando quindi il medico ad una riflessione che vada oltre la lettura delle "Linee guida" e lo porti a considerare invece la risposta individuale. 

Due recentissime ricerche, effettuate da ricercatori italiani, danesi e olandesi, hanno valutato il rischio di mortalità nelle persone di oltre 75 anni, studiando, nella prima ricerca, oltre 1500 persone di una coorte di cittadini milanesi, seguiti per 10 anni (Ogliari G et al, Age Ageing. 2015 Nov;44(6):932-7. doi: 10.1093/ageing/afv141).

In questa ricerca si è documentato che il rapporto tra pressione e mortalità in generale è a forma di "U", ovvero che chi ha la pressione altissima e chi la ha molto bassa hanno un rischio di mortalità elevato, mentre chi la ha "medio-alta" (o almeno così si crede) ha la migliore possibilità di sopravvivenza.

I dati parlano di un valore di 165/85 come valore ottimale. Si tratta di un "numero" che spesso fa sobbalzare medici e pazienti, ritenendo che sia una pressione troppo elevata, mentre i dati statistici sono molto chiari.

Una pressione medio alta (la stessa che era considerata normale 50 anni fa) è positivamente correlata al prolungamento del benessere e della vita stessa. In altri termini "fa bene...".

La seconda ricerca, pubblicata sul Journal of American Geriatric Society, definisce invece che quello stesso livello di pressione (165/85) è quello che garantisce per il miglior stato cognitivo negli anziani e che aiuta le persone che abbiano già avuto un declino cognitivo a migliorare le proprie performance intellettive (Ogliari G et al, J Am Geriatr Soc. 2015 Sep;63(9):1741-8. doi: 10.1111/jgs.13616. Epub 2015 Aug 17).

In pratica significa che con quella pressione anche il cervello riceve il giusto nutrimento e funziona meglio.

Sopra i 70 anni quindi, i valori di pressione (ma lo stesso diciamo da anni per il colesterolo) vanno rivisti in modo da facilitare il passaggio dell'ossigeno nel cervello per mantenere elevate le capacità di movimento, l'umore e le capacità intellettive. 

Torniamo quindi alla necessità di usare il buon senso nelle prescrizioni e nel considerare ogni persona una persona a sé stante, per potere sempre suggerire il meglio per il benessere e per la qualità e la durata della vita. 

In pratica, significa che vanno messi in atto tutti gli accorgimenti che evitino un eccessivo abbattimento della pressione, preferendo ad esempio scelte dietetiche corrette e l'utilizzo di probiotici adattipiuttosto che di farmaci, utilissimi certo, quando si sono esaurite le capacità autonome di riequilibrio.

Inoltre significa che i valori di pressione cui deve aderire una persona di 70 anni e oltre non sono quelli previsti per un trentenne. Significa che ogni medico deve essere cauto nel mantenere valori bassi di pressione o nello spingere un anziano a raggiungerli.