Mia figlia ha un papilloma sulle corde vocali: potete aiutarmi?


di Gabriele Piuri - Medico Chirurgo
08 Luglio 2008

DOMANDA

Sono la mamma di una bimba che a agosto compirà 6 anni. Negli ultimi 8 mesi mia figlia è stata operata (con laser e iniezione di cidofovir) 5 volte per l'asportazione di un papilloma virus su corde vocali. Ci hanno consigliato di prendere le crocifere perché pare che possano diminuire le recidive. Domanda: ci sono controindicazioni (ho letto, ma non sono un medico, che forse aumentano la produzione di estrogeni), è vero? Ci sono altre controindicazioni? Quali comprare? Quale dosaggio usare? Per favore aiutatemi, la situazione è critica.

RISPOSTA

Gentilissima Lettrice,

le crocifere (cavoili, broccoli ecc.) possono essere utilizzate con tranquillità integrandole nell'alimentazione quotidiana senza una specifica prescrizione per la loro buona azione di supporto generale e di prevenzione delle forme tumorali.

Siamo convinti che il semplice consumo alimentare sia più che sufficiente a far fronte alla situazione descritta. L'integrazione che si può fare con preparazioni che le contengono e che sono per altro adattissime a migliorare la funzione respiratoria e ad attivare la rimozione di tossici ambientali.

In casi come questo però, nella nostra pratica clinica, siamo soliti utilizzare una modalità più generale che per abitudine descriviamo con il motto "Crudo, vivo e colorato".

In poche parole significa mangiare un pezzettino di frutta e verdura non cotta e non condita prima di ogni pasto (prima colazione compresa). Sembra una banalità ma questa modalità si è sempre mostrata efficacissima sui bambini che hanno, per definizione, una capacità di recupero straordinaria.

In aggiunta però è bene ricordare l'importanza in questi casi di una buona integrazione minerale con una specifica aziona antiossidante e immunoregolatoria. Una miscela simile a Oximix 2+ Antioxidant (Driatec) in cui siano bilanciati manganese, zinco e rame insieme al selenio e al resveratrolo è sicuramente indicata per affrontare un papilloma sulle corde vocali. Si assumerà un misurino al giorno per cicli di circa un mese anche ripetibili.

In chiave omeopatica, per la sua azione generale di fondo, è possibile utilizzare Thuya 30 CH, di cui si assumeranno 5 granuli tutte le mattine appena svegli.

Se la bambina lamenta fastidio in gola un rimedio come Argentum nitricum 7 CH può dimostrarsi utilissimo perché lavora sui dolori puntori, come di una spina conficcata in gola. Si assumeranno 3-4 granuli all'occorrenza fino a un massimo di 4-5 volte in una giornata.

Ci permettiamo infine una considerazione: situazioni come questa rispecchiano spesso un cedimento del sistema immunitario dovuto a volte a cambiamenti importanti nella vita della piccola. La nascita di un fratellino, dei litigi in famiglia, una separazione ecc. possono essere una possibile concausa di questa situazione e comunque questi aspetti devono sempre essere considerati in casi come quello descritto.