Contrordine compagni: la cimicifuga non fa più male e può tornare in vendita


di Redazione Eurosalus
07 Febbraio 2007

Ecco una buona notizia per l'inizio di febbraio: la Cimicifuga è stata riammessa alla commercializzazione.

In pratica, dopo che tutte le aziende italiane avevano dovuto ripreparare i loro prodotti togliendo la Cimicifuga dalla composizione, bloccando pacchetti scatole etichette e quant'altro, oggi tutto può tornare come prima.

La Federsalus ha diramato una circolare informando i produttori che la Commissione Unica per la Dietetica del Ministero della Salute aveva concluso l'esame delle problematiche inerenti all'uso di questa pianta, riammettendola alla libera vendita con queste avvertenze in etichetta:

  1. Non superare le quantità di assunzione indicate.
  2. Per l'uso del prodotto e per la durata di assunzione si consiglia di consultare il medico.
  3. Il prodotto non va comunque utilizzato in disfunzioni o malattie epatiche

Dopo intensi sforzi da parte di tutti, è accaduto quanto ci eravamo augurati. Eurosalus infatti aveva pesantemente criticato questa scelta sospensiva.

In particolare quindi molte preparazioni di isoflavoni, tra le quali quelle spesso da noi suggerite, possono tornare in commercio con la sicurezza di sempre.