Cellulite: tre trucchi per dirle addio prima delle vacanze


di Attilio Speciani
24 Luglio 2015

La cellulite è uno dei tipici motivi per cui una donna spende e spande tra creme e massaggi, soprattutto in Estate.

In realtà, ridurre la cellulite è alla portata di tutte, se si agisce sui pulsanti giusti.

Ecco tre trucchi per ritrovarsi fiere della propria salute e della propria linea.

1) Variare ciò che si mangia. Utilizzare tutti i giorni gli stessi grandi gruppi alimentari e mangiare sempre alimenti molto simili agisce con uno stimolo infiammatorio sistemico. Pensate all'infiammazione come a del fuoco. Cosa fareste con in casa un tappetino che brucia? Ci versereste dell'acqua. La stessa cosa fa il vostro organismo, trattenendo liquidi.

Il modo più sensato per cambiare il proprio modo di mangiare in maniera mirata è l'esecuzione di un test per misurare BAFF, PAF e profilo alimentare individuale. Si tratta di una valutazione dell'infiammazione da cibo fatta su un piccolo campione di sangue, eseguibile anche in farmacia.

Anche prima dell'esito del test è comunque possibile fare qualcosa: la cellulite è spesso legata all'assunzione eccessiva di alimenti salati e di prodotti fermentati (pane, pizza, focaccia, formaggio, cracker e prodotti da forno, snack salati, olive, insaccati...).

Sapendo inoltre che la maggior parte degli italiani è reattiva a latticini, lieviti e glutine (stiamo parlando di una cosa diversa dalla celiachia), l'attenzione su questi alimenti può già essere di aiuto importante.

Cinque giorni di attenzione settimanali e due di reintroduzione possono essere una buona indicazione per ottenere un miglioramento positivo e mirato.

2) Cominciare a praticare uno sport aerobico continuato. La corsa è perfetta: l'azione muscolare e il movimento agiscono esattamente come un buon massaggio linfodrenante, stimolando la buona circolazione, ma anche il metabolismo, con riduzione della componente grassa e di riduzione dell'infiammazione generale. Un'azione almeno tripla con un grande sorriso, senza bisogno dell'estetista.

3) Lasciare andare. A livello psicosomatico, la cellulite è il disturbo di chi "trattiene": liquidi, ma anche ricordi, rancori, persone... Un po' di meditazione, concentrandosi solo su se stessi e sulle cose che davvero sono importanti può essere di utile ausilio nella gestione dell'inestetismo e non solo. Dieci minuti al giorno di concentrazione profonda sul proprio respiro saranno più che sufficienti.

Se sentite la necessità di associare un integratore alimentare in questo percorso, eccone suggerito qualcuno: frutta e verdura fresche e crude, ricche di nuone vitamine e sali minerali, sono le compagne perfette per ridurre l'infiammazione generale in modo buono e costruttivo.

Ribilla, a base di olio di Perilla e Ribes Nero (due piante) è ottimo per ridurre l'infiammazione generale agendo come antinfiammatorio e antiallergico.

Oximix 5+, che associa magnesio e manganese, due sali minerali con azione detensiva e di stimolo circolatorio è utile nel promuovere il buon funzionamento dei vasi.