Cuocere le uova per guarire l'allergia


di Gabriele Piuri
12 Settembre 2012

La conquista della tolleranza alimentare fa parte dei processi naturali che portano ogni essere vivente a potersi nutrire.

Anche di fronte ad allergie un tempo ritenute gravi e insuperabili oggi possiamo mettere in atto delle tecniche di induzione della tolleranza che consentono in larga misura di tornare ad una alimentazione varia e piacevole. Un lavoro recentissimo, pubblicato sul JACI di Agosto 2012 dal gruppo americano di Sampson, ha dimostrato questa possibilità anche nei confronti dell'uovo (Leonard SA et al, J Allergy Clin Immunol. 2012 Aug;130(2):473-480.e1).

La teoria evoluzionistica dell'allergia alimentare, che da anni proponiamo e sosteniamo, e che spiega l'infiammazione da cibo e tutti i sintomi una volta attribuiti alle intolleranze alimentari, ancora una volta si dimostra vera.

Gruppi di persone gravemente allergiche all'uovo hanno iniziato a nutrirsi con uovo cotto (waffle, biscotti, frittata) senza subire reazioni particolari. La graduale "conoscenza" alimentare dell'uovo lievemente trasformato e modificato dalla cottura, ha consentito gradualmente alla maggior parte delle persone coinvolte nella ricerca, di arrivare a tollerare anche l'assunzione di uovo crudo.

La tolleranza è un processo dinamico, che noi sappiamo di potere aiutare con tecniche alimentari simili allo svezzamento, con il supporto di iposensibilizzanti a bassa dose, di fitoterapici come l'olio di Perilla.

Per tornare ad un rapporto di amicizia col cibo e a recuperare la tolleranza alimentare.