Brodino tuttofare


di Marina Necchi
27 Febbraio 2012

In molte mie ricette troverete riferimenti al brodo fatto in casa. Eccomi pronta ad aprire un nuovo orizzonte: oltre a quello fatto con il dado esiste anche il brodo casalingo che volendo potete anche congelare in monoporzioni, utilizzando piccoli contenitori.

Non essendo particolarmente amante della minestrina, per me l'emergenza brodo nasce principalmente quando organizzo un risotto. Anche se poi diventa utile, come valido sostituto dell'olio, in molte altre preparazioni.

Per prima cosa prendo un bel pezzo di manzo, che poi mangeremo come lesso con una bella salsa verde.

Poi preparo una carota, una cipolla e un sedano e li metto insieme alla carne nella pentola a pressione con poco meno di un cucchiaio di sale grosso.

Copro il tutto con acqua fredda, chiudo e faccio cuocere per 45 minuti a partire dal fischio. Se ho tempo lascio raffreddare a coperchio chiuso.

Se invece siete di fretta esiste anche la versione express della mia amica Angela: lei prende un pentolino pieno d'acqua, aggiunge le verdure a pezzetti e un petto di pollo, ed ecco che un brodino leggero è presto fatto.

Naturalmente esiste anche la versione vegetale che come potete immaginare prevede le stesse modalità senza carne. Questo, in particolare, è quello che si prepara a litri per le prime pappe dei nostri bambini in fase di svezzamento.

 

Intolleranze

Nichel: se proprio volete andare sul sicuro dovete eliminare la cipolla; anche se, come dice l'esperto di casa Speciani, in piccole quantità è comunque tollerata.