Intossicazione alimentare


Sinonimi: Intossicazione alimentare


di Attilio Speciani  - Allergologo e Immunologo Clinico

Al di là del fatto acuto legato con sicurezza alla ingestione di un determinato cibo, è utile valutare anche quanto detto a proposito delle Intolleranze alimentari e, più specificamente, alle voci Allergia, Indigestione e Diarrea.

Al di là del fatto acuto legato con sicurezza alla ingestione di un determinato cibo, è utile valutare anche quanto detto a proposito delle Intolleranze alimentari e, più specificamente, alle voci Allergia, Indigestione e Diarrea.

 Omeopatia

Tutti questi rimedi possono essere assunti alla diluizione 5 CH, nella misura di 3 granuli ogni 10-20 minuti in fase acuta, per ridurre poi la frequenza di assunzione concordemente al miglioramento ottenuto.

Anche in presenza di fatti tossici molto gravi, con perdita intensa di liquidi, febbre, ecc., è di enorme utilità provvedere comunque alla somministrazione dei rimedi, nell'attesa di una consulenza medica o del trasporto in ospedale: l'organismo in questo modo inizia già a disintossicarsi, e qualsiasi intervento successivo è più agevole.

Nux vomica: per quantità eccessiva di cibo o di alcool; le buone forchette la possono usare anche in senso preventivo.

Arsenicum album: dovuta a carni o salumi avariati.

Belladonna: intossicazione alcolica con delirio improvviso; pupille dilatate.

Homarus: per l'orticaria dopo aver mangiato il pesce; in caso di pesce avariato, va alternato ad Arsenicum.

Fragaria vesca: per l'orticaria dovuta alle fragole.

Pulsatilla: intossicazione da gelati, da creme o da altre sostanze grasse; indigestione da frutta.

Ledum palustre: antagonizza gli effetti della sbornia da whisky.

Natrum muriaticum: da usare dopo le indigestioni d'acqua.

Agaricus muscarius: intossicazione da funghi velenosi. Iniziarne la somministrazione e raggiungere al più presto un ospedale.

Veratrum album: da usare negli stati di collasso da intossicazione; c'è senso di freddo, svenimento e sudore ghiacciato sulla fronte; vomito, diarrea e crampi alle gambe; sete intensa.

Lycopodium: da associare ad Homarus nelle intossicazioni dovute ai frutti di mare.