Gravidanza: l'omeopatia può avere interferenze sul piano generale


di Attilio Speciani
27 Maggio 2007

Gentile dottore seguo da tempo il suo sito.
Sono una che crede nell'omeopatia ma in questo momento mi sento al quanto frastornata: circa 2 mesi fa mi sono recata da un noto omeopata che aveva già in cura i miei 2 bambini dopo il primo colloquio l'omeopata mi prescrive ignatia mk  sulphur e pulsatilla.
Il primo: globuli presi in unica dose (e mi sono sentita prima
meglio poi con qualche crisi di pianto) dopo una settimana il secondo: sulfur 1lm 3lm fg della unda (e sono stata malissimo con tutti i sintomi
dell'influenza forte dolore alla testa e muchi verdi dalla bocca e dal naso
sono andata avanti fino alla 12ma capsula) poi chiamando il dottore e
spiegandogli e i sintomi mi è stato dato pusatilla. Terzo: pulsatilla 30 ch
per 2 giorni prima ogni ora 5 globuli poi ogni 3 ore (i sintomi sono stati
dolore al seno, depressione e tachicardia); alla fine mi sentivo complessivamente uno straccio e ho interrotto ogni cura ma dopo circa quindici giorni facendo il test di gravidanza ho scoperto di essere incinta.
Ultima mestruazione dopo la sospensione degli anticoncezionali 20 marzo. Ma la cosa preoccupante è che a gioni alterni ho sporadiche perdite di sangue. Il ginecologo mi ha consigliato il dosaggio ormonale e il primo che ho fatto indica pochissimi ormoni come se fossi incinta solo da 10 giorni e non si spiegano le perdite ematiche.
Secondo lei i rimedi hanno influenza su questa situazione? Può essere una falsa gravidanza?
La prego mi dia una risposta, quella che non ho avuto dall'omeopata che mi aveva prescritto questa cura. Grazie infinite.

Gentilissima Lettrice,

non possiamo entrare nel merito dell'indicazioni specifiche prescritte dal Collega e legate a una valutazione più ampia del suo stato di salute. Sicuramente però la somministrazione di Ignatia nella fase iniziale del suo trattamento segnala la presenza di un'imponente tensione emotiva che ha ben evidenziato anche nella sua lettera.

Inoltre possiamo tranquillizzarla sul fatto che l'utilizzo di Sulfur a un dosaggio cinquantamillesimale non può portare allo sviluppo di reazioni persistenti: anche se ci fossero interferenze sul piano generale dell'individuo gli eventuali effetti collaterali si esauriscono nel giro di pochi giorni. Sulfur è sicuramente un rimedio potente, ma la particolare scelta della diluizione escluderebbe una interferenza prolungata nel tempo.

Ci permettiamo inoltre di considerare che molti dei sintomi come i dolori al seno, la cefalea e le crisi di pianto possono essere connesse con l'inizio di una gravidanza e quindi non devono essere considerati specificamente come una reazione avversa a Sulfur e in generale alla cura prescrittale. Tutte queste manifestazioni possono essere interpretate come la normale risposta dell'oranismo al cambio della situazione ormonale.

Per quanto rigurada invece le perdite ematiche è importante considerare che l'impianto dell'ovulo fecondato in utero può portare a sanguinamenti anche persistenti  dovuti esclusivamente alla non completa chiusura delle pareti dell'utero dopo l'impianto. In questo caso l'utilizzo di vitamina C al dosaggio di 1-2 grammi per qualche giorno può permettere di risolvere la situazione favorendo la riparazione dei tessuti e la cicatrizzazione. A questo aggiungiamo un rimedio semplice come Arnica 9 CH di cui si assumeranno 3-4 granuli 4 volte al giorno fino al cessare delle perdite. In particolare Arnica lavora sulle perdite ematiche indotte da un possibile microtrauma di impianto dell'ovocita.

Bisogna considerare però che nessun tipo di rimedio omeopatico potrà impedire un eventuale aborto nel caso in cui l'impianto dell'ovocita sia avvenuto male o in una posizione non adatta al proseguimento della gravidanza.

Concludendo vogliamo rassicurarla sul fatto che i rimedi omeopatici prestritti dal Collega non possono aver avuto interferenze tanto importanti sul suo piano generale mentre siamo dispiaciuti che non lei non abbia trovato risposte adeguate alle sue domande: chi le ha prescritto la cura avrebbe dovuto spiegarle meglio la funzione dei rimedi che ha assunto.

In ogni caso, aspettiamo sue notizie...