Inappetenza


Sinonimi: Appetito, Anoressia, Obesità


di Attilio Speciani  - Allergologo e Immunologo Clinico

I problemi relativi all'appetito, sia eccessivo che ridotto, sono troppo importanti per non meritare l'attenzione del medico, soprattutto se rivestono carattere di continuità e determinano degli importanti cambiamenti nella persona.

I problemi relativi all'appetito, sia eccessivo che ridotto, sono troppo importanti per non meritare l'attenzione del medico, soprattutto se rivestono carattere di continuità e determinano degli importanti cambiamenti nella persona.

 Trattamento

Per l'appetito in eccesso si veda anche la voce Obesità, e per entrambe le condizioni si veda invece la voce Sistema nervoso.

In caso di Anoressia è sempre necessaria una terapia che tenga conto anche della psiche del soggetto malato, e sicuramente una precedente diagnosi medica di conferma.

Tra i possibili aiuti, utilizzabili per stimolare l' appetito, si può citare la Gentiana lutea TM, da assumere al dosaggio di 15-20 gocce tre volte al giorno, riducendo la dose a 5 gocce, per bambini superiori all'anno di età.

I rimedi omeopatici che possono agire (Phosphorus e Lycopodium nella fame notturna, Natrum muriaticum, Tubercolinum Koch e Phosphorus nell'appetito aumentato ma senza ingrassamento, per fare alcuni esempi) sono dei rimedi di fondo, e in genere è utile lasciare il loro uso al medico omeopatico.

Tra gli integratori alimentari che possono aiutare: la Pappa reale, il Polline, la Carnitina. Ovviamente sarà utile anche qualsiasi sostanza che aiuti a superare eventuali forme patologiche concomitanti.