Tanta tosse: ecco come curarla naturalmente


di Gabriele Piuri - Medico Chirurgo
10 Novembre 2016

DOMANDA

Salve. Da due settimane mi trovo a combattere con una tosse secca e stizzosa che non mi lascia in pace. Non ho grossi sintomi, niente febbre, niente catarro, non mi manca il respiro, solo che continuo a tossire tutta la notte e quindi non dormo. Sono stata dal mio medico di famiglia che dice che i polmoni sono liberi e che passerà. Avete qualche suggerimento?

RISPOSTA

Gentilissima Lettrice,

questo è il periodo in cui si combatte di più contro i malanni di stagione come tosse, mal di gola, raffreddore per non parlare delle sindromi parainfluenzali.

Da quello che ci racconti tutto sembra essere dovuto a una tracheite, probabilmente di origine virale. Proprio per questo è utile intervenire con un rimedio omeopatico come Oscillococcinium 200K assumendone un tubo dose ogni 8 ore per 3-4 volte di fila. Tradizionalmente questo rimedio omeopatico è utile per stimolare la naturali capacità dell’organismo di contrastare le infezioni virali e merita di essere utilizzato come primo intervento.

Questo approccio terapeutico è tanto più efficace quanto prima viene messo in atto ed è quindi utile, la prossima volta, utilizzarlo ai primissimi sintomi.

Sempre in chiave omeopatica è possibile intervenire con un prodotto complesso come Stodal al dosaggio di 3-4 granuli 4-5 volte al dì, riducendo la frequenza in base al miglioramento ottenuto.

Molte persone non sanno che questo prodotto è disponibile negli ultimi anni anche in granuli e non solamente in sciroppo. Quest'ultima formulazione è molto più adatta ai bambini che agli adulti in cui invece è preferibile utilizzare i granuli per una questione di praticità e per evitare massicce dosi di zucchero.

Un articolo pubblicato nel 2015 su Pulmonary Pharmacology and Therapeutics da un gruppo di ricerca italiano guidato dal Prof. Zanasi ha confermato che l'utilizzo di questo prodotto omeopatico è utile per ridurre efficacemente la gravità della tosse e la viscosità dell'espettorato, rappresentando in tal modo un valido rimedio per la gestione della tosse acuta.

Le crucifere promuovo le naturali capacità dell'organismo di resistere all'inquinamento.

Per contrastare la fase acuta, meglio affiancare a un approccio omeopatico anche uno fitoterapico utilizzando un prodotto come Zerotox Betamune, che, grazie alla sua formulazione bilanciata con broccoli, betaglucani, zinco e manganese, è d'aiuto contro tosse, bronchiti e tracheiti.

In particolare le crucifere promuovo le naturali capacità dell'organismo di resistere all'inquinamento e quindi questo prodotto è particolarmente indicato per le persone che vivono in città. In fase acuta si utilizzerà una capsula a prima colazione e una capsula a cena per cicli di circa un mese serenamente ripetibili nel corso del periodo freddo dell'anno.

In una logica di prevenzione meglio integrare tutti i minerali utili per potenziare le difese immunitarie utilizzando ad esempio un prodotto come Oximix 1+ Immuno al dosaggio di una capsula a prima colazione.

Manganese, Rame, Zinco e Selenio sono utilissimi per evitare di ammalarsi nei mesi freddi. Per una maggior sicurezza sarebbe meglio iniziare con la fine di settembre proseguendo con costanza fino ai primi di aprile perché prevenire è meglio che curare. Se si è in ritardo nessun problema: una corretta integrazione di minerali può rivelarsi efficace anche se iniziata con un po' di ritardo.