Prostatite ed epididimite: come fare?


di Gabriele Piuri - Medico
20 Ottobre 2016

paylessimages / 123RF Archivio Fotografico

DOMANDA

Salve, ho 35 anni e da alcune settimane ho qualche fastidio urinario e una sensazione spiacevole di peso al basso ventre. Sono stato dall'urologo che mi ha diagnosticato una prostatite e un'epididimite. Mi ha prescritto l'antibiotico che sto assumendo, ma volevo integrare un supporto naturale perché questo problema mi preoccupa molto. Avete qualche suggerimento?

RISPOSTA

Gentilissimo Lettore,

spesso in caso di prostatite il problema sta semplicemente nel fatto che non si beve a sufficienza e in situazioni come queste, considerando anche la tua età, è fondamentale mantenere una idratazione adeguata.

Questa indicazione è utile non solo nella fase acuta in affiancamento alla terapia suggerita dal collega urologo, ma rappresenta probabilmente il suggerimento più importante per fare prevenzione. Ciò vuol dire bere almeno 2 litri di acqua al dì, preferibilmente lontano dai pasti che possono diventare tranquillamente 2,5-3 litri in caso di attività fisica o nel periodo estivo.

In caso di prostatite meglio bere di più sia in fase acuta sia come prevenzione.

In fase acuta è possibile utilizzare un prodotto come Depur al dosaggio di 15 ml in mezzo litro d'acqua da bere al mattino e 15 ml in mezzo litro d'acqua da bere il pomeriggio. Questo prodotto svolge da un lato una buona azione diuretica e dall'altro ha un effetto antinfiammatorio sul tratto urinario. Si proseguirà con cicli di circa 15 giorni eventualmente ripetibili al ripresentarsi dei primissimi sintomi.

In chiave omeopatica è possibile intervenire con rimedi come Staphysagria 9 CH e Conium maculatum 9 CH al dosaggio di 3-4 granuli 2-3 volte al dì. Il primo rimedio agisce specificamente sull'incontinenza urinaria mentre il secondo svolge un'azione decongestionante a livello della prostata.

Per l'epididimite spesso è utile affiancare altri due rimedi omeopatici. Il primo è Belladonna 9 CH da utilizzare quando la zona appare rossa, infiammata e dolente al minimo tocco mentre il secondo rimedio è Zincum metallicum 9 CH che invece è indicato quando, come nel tuo caso, si ha la sensazione di peso locale.

Per un'azione antinfiammatoria generale è utile affiancare a Depur e ai diversi rimedi omeopatici un prodotto come Zerotox Ribilla. L'integrazione di acidi grassi polinsaturi derivati dall'olio di Ribes e dall'olio di Perilla che compongono questo prodotto sono utilissimi per ridurre l'infiammazione e la sintomatologia locale. Si utilizzeranno 2 perle a prima colazione e 2 perle a cena per cicli di circa un mese serenamente ripetibili.