Dimagrire: la nuova piramide alimentare


di Attilio Speciani
31 Ottobre 2014

Negli anni passati sono state proposte piramidi alimentari che avrebbero dovuto aiutare a perdere massa grassa e a prevenire l'obesità.

La maggior parte di queste, rivalutate con il senno di oggi, erano condizionate da un vero eccesso di carboidrati, spesso senza alcuna distinzione tra quelli raffinati e quelli integrali.

Negli ultimi anni finalmente, visto il fallimento delle vecchie piramidi e grazie a nuove ricerche sull'importanza dei "segnali" per attivare il metabolismo, ogni singolo pasto (prima colazione compresa) è proposto con una composizione bilanciata tra carboidrati, proteine, frutta e verdura.

Nella pratica, ognuno di questi tre tipi di alimenti deve rappresentare un volume di circa 1/3 del piatto.

Inoltre, dopo anni di condanna, viene ridato valore alle proteine, nella giusta quantità di circa 1 grammo per chilo di peso corporeo.

Carboidrati raffinati, gusto dolce e assenza di proteine dai pasti sono tra i segnali più potenti per alterare il metabolismo degli zuccheri e facilitare l'aumento di peso.

Nella nostra pratica, in SMA, seguiamo da anni le persone con problemi di sovrappeso e sensibilità insulinica con criteri di impostazione nutrizionale individuali, attraverso specifici percorsi terapeutici.

 

→ Vai alla pagina indice.

→ Scarica l'opuscolo completo in versione PDF.