Pronto intervento per regolare il ciclo mestruale


di Gabriele Piuri - Medico Chirurgo
01 Dicembre 2016

bee32 / 123RF Archivio Fotografico

DOMANDA

Ci sono rimedi naturali utili per regolare il ciclo mestruale? Sono in un momento di cambiamento, ho cominciato un nuovo lavoro e io e il mio fidanzato stiamo pensando di andare a vivere insieme. Tutti aspetti positivi, ma il mio ciclo mestruale fa le bizze, come posso fare?

RISPOSTA

Gentilissima Lettrice,

il ciclo mestruale di una donna può essere influenzato da tantissimi fattori differenti e se è vero che spesso è importante considerare una componente ormonale, dall'altro non bisogna dimenticarsi di fattori come lo stress, il clima, la situazione emotiva e il proprio modo di mangiare.

Considerando che è un anno che il ciclo mestruale è irregolare, la prima cosa da fare è una visita di controllo con il tuo ginecologo di fiducia in modo da escludere situazioni concomitanti come una policistosi ovarica o un fibroma.

Fatto questo meglio ragionare sulla propria dieta: la relazione tra metabolismo ed equilibrio ormonale è talmente vasta che sarebbe un peccato non approfittare della possibilità di influenzare l'uno e l'altro con una alimentazione corretta.

Aspetti come una prima colazione veramente abbondante, tanto da costituire il pasto più abbondante della giornata, il corretto bilanciamento di carboidrati e proteine a ogni pasto, l'utilizzo di cereali integrali e legumi e un'attività fisica regolare sono probabilmente la base per influenzare positivamente l'equilibrio ormonale e quindi la regolarità mestruale.

Anche il controllo dell'infiammazione da cibo e il recupero della tolleranza rappresentano un'ottima strategia per regolarizzare il ciclo mestruale.

In base ai risultati di un test come Recaller o BioMarkers, si imposterà una dieta di rotazione settimanale con giorni di dieta in cui evitare gli alimenti risultati positivi al test e giorni in cui invece evitarli con uno schema del tutto simile allo svezzamento infantile.

La regolazione del ciclo mestruale è multifattoriale ed è per questo che la terapia deve preferibilmente essere differenziata prediligendo un approccio integrato.

In questa logica di riequilibrio alimentare, la Medicina Tradizionale Cinese è da sempre attenta all'integrazione della dieta in una terapia ben congegnata: spesso quando si pensa alla medicina orientale ci si focalizza esclusivamente sull'agopuntura escludendo invece altre branche importanti come, appunto, la dietetica, la farmacologica e le ginnastiche medicali che tutte insieme formano un corpo complesso di nozioni.

Sulla base di questo, per regolarizzare il ciclo mestruale, rivestono la stessa importanza sia l'agopuntura che la dietetica e i risultati migliori si ottengono abbinando entrambi questi approcci terapeutici.

Nella mia pratica clinica, spesso è sufficiente partire con 4-5 sedute di agopuntura a cadenza settimanale per poi diradare gli appuntamenti fino a una seduta mensile. 

La regolazione del ciclo mestruale è assolutamente multifattoriale ed è per questo che la terapia deve preferibilmente essere differenziata prediligendo un approccio integrato.

Meglio agire anche con una corretta integrazione minerale utilizzando ad esempio Oximix Multi+ al dosaggio di 1 capsula a prima colazione per cicli anche prolungati. Questo prodotto è formulato come una miscela di tutti i minerali indispensabili all'organismo, in basso dosaggio, e veicolati da un vettore come l'Oxiprolina che ne favorisce l'assorbimento. Manganese, Rame, Zinco, Magnesio, Ferro, Iodio, Cromo sono tutti fattori indispensabili per una corretta regolaIone dell'equilibrio ormonale femminile.

Utile integrare anche dell'inositolo. Questa vitamina, precisamente la Vitamina B7, svolge da un lato un'azione di regolazione metabolica e dall'altro è utile per modulare la risposta allo stress.

L'Inositolo da questo punto di vista è utilizzato anche nella sindrome dell'ovaio policistico con l'obiettivo di regolare il ciclo mestruale. Si utilizzerà ad esempio un prodotto come Zerotox Inositox al dosaggio di una compressa a prima della colazione per cicli terapeutici di almeno 2-3 mesi.