Mal di testa

Cefalea, Emicrania, Aurea, Cefalea a grappolo

Il sintomo del dolore al capo è sempre la somma di una serie di situazioni di disturbo che, prese una per ciascuna, non sarebbero sufficienti a scatenare il dolore, ma sommate una all'altra scatenano invece un disagio e un fastidio che può a volte arrivare a essere drammatico e invalidante.

Le situazioni di disturbo possono essere varie e coinvolgere l'apparato digestivo, la contrattura muscolare, i disturbi specifici della colonna cervicale, le alterazioni delle posizioni delle ossa come gli slivellamenti del bacino legati a una differenza di lunghezza degli arti, il sistema nervoso, la circolazione e il sistema ormonale.

La quasi totalità delle cefalee è dunque legata a cause multiple e convergenti. Questa considerazione si deve per forza trasferire operativamente anche nel campo terapeutico, cercando di portare sotto il livello di guardia ognuno dei fattori di disturbo.

Questo va fatto ovviamente dopo aver escluso, con le opportune metodiche cliniche e di analisi, componenti specifiche o particolari che determinano il mal di testa.

Si usa il termine “mal di testa” perché sicuramente corrisponde alla realtà: spesso infatti si sente confusione fra il termine “cefalea” (che significa dolore al capo), che è adatto per ogni forma di mal di testa, e il termine “emicrania” (che significa dolore di mezza testa), che è invece specifico per un certo tipo di cefalea che provoca dolore solamente su una parte del capo, quasi la testa fosse divisa esattamente in due da una linea precisa.

In linea di massima, quindi, prima di affrontare la cefalea cronica come se fosse una malattia specifica, è utile fare un periodo di Disintossicazione, occuparsi della propria digestione, capire le proprie Intolleranze alimentari, farsi visitare da un medico chiropratico che sappia dare delle giuste indicazioni sulla posizione del sistema osseo, fare la pace con il proprio Sistema nervoso o con le proprie Angosce e, alla fine, occuparsi di quello che rimane della cefalea preesistente.

Omeopatia

Belladonna 7 CH: 5 granuli anche più volte al giorno, il mal di testa è pulsante, con una violenta sensazione di colpi di testa. È da usare nel classico mal di testa in cui si desidera stare immobili, senza luce e senza rumori perché anche un piccolo traballamento del corpo tende ad accentuare il dolore. Si associa a congestione del viso e a pupille dilatate.

Nux vomica 5 CH o 7 CH: 4 granuli 2-3 volte al giorno, è uno dei rimedi del mal di testa da stress e da sovraccarico di alimenti, alcolici, caffè, o anche di lavoro. Generalmente è a destra, ma può anche essere a sinistra ed è peggiore al mattino appena alzati.

Iris versicolor 5 CH: 5 granuli 2 volte al giorno per 15 o 20 giorni, anche se nei primi giorni di terapia può far accentuare i sintomi; il mal di testa è classicamente del sabato e della domenica, cioè quando ci si riposa; può essere accompagnato da vomito, e generalmente è soprattutto dalla parte destra, proprio sopra l'occhio. È curioso che tutti coloro che poi hanno bisogno di questo rimedio abbiano la sensazione che il loro disturbo dipenda molto dalla digestione. In parte è vero, perché Iris agisce anche sulla colecisti, ma c'è in realtà anche una enorme componente emotiva, tanto che spesso vengono associati sistematicamente gli oligoelementi Manganese, Cobalto e Litio.

Lac caninum 5 CH: 5 granuli a digiuno per 20-30 giorni, il mal di testa ha la caratteristica di cambiare localizzazione nella testa ogni volta che viene; una volta è a destra e la volta dopo è a sinistra.

Clonoin 7 CH: 4-5 granuli 3-4 volte al giorno in fase acuta o 1 volta al giorno a digiuno per almeno 1 mese, la testa è sentita come svuotata e pulsante; è impossibile alzarsi in piedi senza accentuare il dolore (Belladonna: riesce a stare seduto e peggiora disteso; Clonoin: sta bene disteso), e spesso il mal di testa è dipendente da lievi fenomeni di insolazione oppure dagli innalzamenti della pressione arteriosa.

Chamomilla 9 CH: dosaggio come Clonoin, il mal di testa è pulsante, ed è spesso da una parte sola; le pupille sono strette e c'è un senso di compressione dei bulbi oculari. E spesso un mal di testa provocato dal vento; il dolore è definito insopportabile e l'umore diventa nero con intolleranza a tutto e a tutti.

Celsemium 5 CH: stesso dosaggio di Clonoin, è spesso il mal di testa successivo a cattive notizie o a momenti di paura; è da usare sicuramente quando la cefalea si attenua dopo un'abbondante emissione di urina chiara.

Pulsatilla 5 CH: 5 granuli 2 volte al giorno, serve per il mal di testa che dipende dalla eccessiva assunzione di cibi grassi (gelati, dolci alla crema o alla panna, eccetera); migliora stando all'aria fresca e con freddo locale. Per le cefalee legate all'indigestione confrontare anche la voce Intossicazione alimentare.

Sepia 5 CH o 7 CH: 5 granuli a digiuno per 30-40 giorni, in genere il mal di testa è ritmato dalle mestruazioni. Si tratta per lo più di donne brune, abbastanza tristi, con fegato mal funzionante e problemi venosi abbastanza evidenti (Varici, Emorroidi); spesso il loro ciclo mestruale è in ritardo.

Aetaea racemosa 7 CH: 5 granuli 2 volte al giorno dal ventesimo giorno del ciclo mestruale fino alla fine del flusso, è il rimedio delle cefalee che peggiorano molto durante il flusso mestruale e sono tanto più forti quanto più il flusso è abbondante.

Ignatia 9 CH: 3-4 granuli a digiuno per 20-30 giorni, spesso il dolore è sul lato sinistro della testa, quasi fosse un chiodo fisso, ma molto più frequentemente è un dolore che può essere vario, con miglioramento se si riesce ad allontanarsi dai posti abituali (per esempio andando in vacanza, o comunque distraendosi dai propri problemi o dalle proprie preoccupazioni).

Kali phosphoricum 7 CH o 9 CH, 3-4 granuli 2 volte al giorno per 15 giorni, è il rimedio indicato nelle cefalee di chi si sottopone a sforzi e impegni di studio; le cefalee sono accompagnate da un senso di stanchezza intensa, ed è indicato anche nelle fasi di convalescenza di malattie acute.

Adrenalina 4 CH, Acido acetilsalicilico 4 CH, Belladonna 9 CHAconitum 9 CHCoffea 9 CH (tutti insieme in una stessa confezione), 2 granuli quando sta per arrivare il mal di testa, da ripetere ogni 10 minuti finché il dolore non si riduce. È un composto omeopatico da usare al bisogno, cioè quando il dolore arriva. Il procedimento non è strettamente omeopatico, ma è sicuramente preferibile all'assunzione di analgesici e antinfiammatori spaccafegato.

Obsidienne D8 e Feldspato D8: 1 fiala alla sera, alternando una all'altra giorno dopo giorno, sono due prodotti già discussi a proposito della cervicale. Sovente vengono associati alla terapia già esistente per migliorare la condizione della colonna cervicale, da cui spesso partono le cefalee.

Fitoterapia

Yohimbehe TM: in caso di mal di testa legato alla pressione alta se ne prenderanno 10-15 gocce 3 o 4 volte al giorno per 2 o 3 giorni.

Alnus glutinosa 1D macerato glicerinato e Tilia tomentosa 1D macerato glicerinato sono due prodotti che possono essere molto utili, ciascuno al dosaggio di 40 gocce 2 volte al giorno in caso di cefalea vasomotoria. Il primo quando si supponga una scarsa circolazione cerebrale, il secondo quando sia dominante una componente emotiva; i due prodotti possono anche essere associati.

Rosa canina 1D macerato glicerinato: 50 gocce 2 volte al giorno per almeno 1 mese. Va usato in tutte le cefalee che sembrano dipendere dalla Sinusite o dalla congestione del naso e delle vie respiratorie.

Fiori d'arancio: 2 tazze al giorno (infuso per 10 minuti fatto con 2 prese di fiori) possono giovare moltissimo in tutte le cefalee con un intenso sfondo legato all'emotività e alla tensione.

Come già si è detto parlando di cervicale, la cefalea può essere anche accentuata dalla contrazione muscolare di un collo sofferente; in questo caso si potranno usare i già descritti Pinus montana 1DRibes nigrum 1D e Vitis vinifera 1D, oppure la TM di Harpagophytum procumbens.

Oligoelementi

Il magnesio non deve mai mancare in caso di mal di testa. Ad esempio si utilizzeranno 2,5 ml di un prodotto come Magnesio+ da assumente a prima colazione e a cena in abbondante acqua o succo. In affinacamento è possibile utilizzare 5 ml di un prodotto come Oximix 4+ da assumere con regolarità a cena per cicli di circa 40 giorni serenamente ripetibili nel corso dell'anno.

Non esiste una specifica vitamina per il mal di testa. Esistono invece tutte le sostanze già discusse altrove che possono aiutare il riequilibrio di ciascuno dei fattori che possono contribuire al suo insorgere (si vedano quindi le singole voci corrispondenti).

Lo stesso vale per gli aspetti dietologici. È comunque importante ricordarsi che cosa si è mangiato o bevuto prima della comparsa della cefalea, perché spesso ci si potrebbe trovare davanti a un problema di ipersensibilità o di allergia alimentare (potrebbe anche trattarsi del pane che si è abituati a mangiare) e questo tipo di intolleranza alimentare, se riconosciuto, può essere poi trattato in modo molto efficace e spesso definitivo.

Nel caso di mal di testa, quindi, è utile individuare l'esistenza di possibili ipersensibilità o Intolleranze alimentari e impostare un'adeguata dieta di rotazione sugli alimenti non tollerati.

Altro

I punti del benessere

Se (come indicato nella figura qui sotto, da sinistra a destra) si premono i punti di agopuntura cinese 1V (Punto Jingming), 7P (Punto Lieque) 4GI (Punto Hegu) e con una pressione decisa per almeno 30-40 secondi, anche alternando i punti l'uno con l'altro, spesso si arriva alla scomparsa del dolore e comunque quasi sempre a una sua notevole riduzione.

L'uso di questi punti può essere associato alle terapie già discusse e può essere attuato sia nei casi acuti, intervenendo quindi se c'è il mal di testa, sia in senso preventivo, praticando la compressione dei punti tutti i giorni almeno una volta.

Un altro punto analgesico da usare in fase acuta, è un punto che va cercato sul lobo dell'orecchio sulla parte esterna. Il punto va cercato, in quanto può essere di volta in volta in zone lievemente differenti.

Bisogna prendere il lobo dell'orecchio con il polpastrello del pollice e premere con l'unghia dell'indice sul lobo dall'altra parte, cercando un punto doloroso alla pressione; quando lo si è trovato si esercita una ritmica, ma progressiva pressione su quel punto a periodi di 8, 10 secondi per un po' di volte; se questo punto è utilizzato nella fase iniziale del mal di testa, può farlo regredire molto bene.

La medicina popolare

Ogni cultura e ogni popolo ha sviluppato metodi interessanti e potenzialmente utili. L'applicazione locale del ghiaccio o comunque del freddo, creando una contrattura dei vasi sanguigni intensamente dilatati e provocando una sorta di anestesia locale, può essere utilissima.

Altre terapie sono: l'applicazione di mezzo limone o di una sua fetta sulle due tempie per un periodo di almeno 20 minuti; l'applicazione di foglie di cavolo-verza sulla fronte e sulle tempie per almeno mezz'ora e l'utilizzo del massaggio locale.

Quest'ultimo ha una doppia funzione: da un lato consente la compressione e il massaggio di molti punti di agopuntura e di shiatsu presenti sulla testa e sul viso, dall'altro mette a contatto due diversi organismi viventi che possono scambiarsi energia riequilibrando quindi gli eccessi o le carenze dell'uno o dell'altro.

In questo senso, infatti, può essere controproducente effettuare massaggi calzando scarpe con suola di gomma, che impediscono la 'messa a terra' delle energie elettriche di chi attua una terapia fisica come questa.

Allergologo e Immunologo Clinico

Cefalea  Dolore  Testa  Emicrania 

SINTOMI & MALATTIE: dalla A alla Z

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    da 171 malattie presenti

    VEDI ANCHE...

    Salute & Ambiente

    Nausea da rientro: i trucchi per combatterla

    Il rientro in città e alle abitudini quotidiane porta spesso a malesseri generali con sintomi quali nausea, mal di testa...

    Intolleranze & Allergie

    Quando il mal di testa dipende da un panino

    Cefalea, emicrania e mal di testa possono essere provocati dalla assunzione ripetuta di alcuni tipi di cibo verso cui esiste...

    Malattie & Cura

    Malassorbimento: i disagi e la cura che non ti aspetti

    Il malassorbimento è la causa di molti più disagi di quelli che si possono immaginare e risolverlo significa stare meglio...

    Malattie & Cura

    Dire addio al mal di testa

    Il mal di testa è un disturbo diffusissimo e che troppo spesso viene soltanto "sopportato". Le soluzioni per farvi fronte...

    Malattie & Cura

    Raffreddore addio in poche semplici mosse

    È arrivato il raffreddore! Il più delle volte la causa è virale così che spesso l'unica soluzione è "aspettare che...

    Malattie & Cura

    Una nuova cura per la cefalea a grappolo. Ma il dolore torna quando la batteria si scarica

    Tra le tante forme di emicrania che affliggono l'umanità ve n'è una, fortunatamente rara, che si distingue per la sua...

    Malattie & Cura

    Quando la pillola fa venire il mal di testa

    La “pillola” è usata oggi per molte situazioni, e non solo come anticoncezionale: come “regolatore” ormonale, per trattare l'acne o...

    Malattie & Cura

    Crisi d'astinenza da caffè. Ci sono rimedi?

    Sappiamo che la dipendenza da caffè (o da caffeina) è un fenomeno che è stato ben studiato in anni recenti....

    I NOSTRI ESPERTI
    L'ESPERTO RISPONDE