Acne

Follicolite, Follicolite settica, Foruncoli, Foruncolosi, Pelle impura, Punti neri, Foruncolo

Con acne si intende la presenza sulla pelle di punti neri e di brufoli, cioè microcisti infiammate, dovuti in genere a un'eccessiva produzione di sebo da parte della pelle, che non riesce a essere eliminato attraverso i pori. Questa condizione è piuttosto comune all'inizio della pubertà, quando comincia ad aumentare la produzione di ormoni sessuali, in particolare gli androgeni, i quali favoriscono tra l'altro la produzione di sebo. 

La follicolite settica (nome scientifico del foruncolo) è generalmente bene accettata quando è occasionale, di breve durata e numericamente discreta, come avviene ad esempio in occasione di alcuni stravizi alimentari; non è per nulla accettata quando invece è persistente e numericamente molto rilevante. Spesso i dermatologi prescrivono cicli di antibiotici, che sono abbastanza efficaci durante il periodo di assunzione, ma che lasciano tutto come prima appena li si sospende. Di acne invece si può guarire, anche approfondendo la conoscenza di fondo dell'individuo, con tutti i suoi risvolti fisici e psichici.

Sintomi

La presenza di un foruncolo può causare un semplice danno estetico, ma talvolta, come nell'acne macrocistica, il foruncolo è estremamente dolente ed infiammato. Quando poi i foruncoli sono numerosi l'infiammazione può anche causare dei fenomeni generali come l'ingrossamento dei linfonodi o ghiandole vicine e in alcuni casi si può generare un'infezione con risvolti su tutto l'organismo. Si tratta ovviamente di casi rari ma comunque possibili. Talvolta cioè una crisi acneica può essere accompagnata da febbre dovuta a quella infezione e non ad altre concomitanti.

Cause

Se i pori della pelle si ostruiscono, il sebo, non potendo usire, ristagna dando luogo a delle microcisti che possono infiammarsi o infettarsi. Quando l'acne non si manifesta nell'adolescenza o non si risolve, è necessario indagare su altre cause, sia di natura ormonale, valutando il possibile squilibrio nel bilanciamento di carboidrati e proteine, che di natura immuno alimentare, come un'intolleranza (vedi Intolleranze alimentari). Una ricerca accurata deve indagare e aiutare a risolvere quindi la resistenza insulinica spesso presente in questi casi (soprattutto se associata a disturbi ormonali) e la comonente infiammatoria alimentare tipica dell'intolleranza.

Trattamento

Il trattamento della tendenza acneica è basato sull'impostazione del sistema alimentare DietaGIFT, sul controllo delle intolleranze alimentari (RecallerProgram o Test DRIA) e sulla azione antiossidante data da alcuni integratori (Stimun-Ox 800, Cellfood, Selenio Vitamina C, Vitamina D3) presi anche per lunghi periodi.

La pulizia del viso con sapone di calendula e con l'uso della Soluzione di Dalibour descritta alla fine di questo articolo sono un ottimo trattamento locale del problema.

Alimentazione

Come detto parlando delle cause, a fronte di un lungo periodo in cui l'interferenza alimentare è stata negata, oggi la dermatologia moderna riconosce la presenza di un'intolleranza alimentare nella genesi dell'acne. Soprattutto vengono ritenuti responsabili i derivati del latte vaccino e le sostanze lievitate e fermentate anche se noi suggeriamo sempre di effettuare un RecallerProgram o un Test DRIA per approfondire la conoscenza individuale della componente immunitaria. 

Oltre a questo aspetto vanno considerati gli squilibri tra carboidrati e proteine, che determinano la produzione di adipochine e di insulinoresistenza. Un'impostazione alimentare legata al sistema alimentare GIFT porta a migliorare questo quadro.

Ci sono poi alcuni alimenti con azione protettva, di cui è bene fare un corretto uso: tra questi, cetrioli, carote, crescione, rape, olive e uva. Per favorire la depurazione può anche essere utile l'assunzione ogni giorno di un cucchiaino di argilla preparata in acqua.

Omeopatia

Tutti i rimedi sono da utilizzare alla diluizione 7 CH, nella misura di 3-4 granuli 2 volte al giorno; se sono da associare più rimedi se ne prenderà uno al mattino e uno alla sera, nella misura di 5 granuli. 

Conium maculatum: adatto per foruncoli grossi e induriti, tipici dell'età adolescenziale. Spesso esiste una compnente di inibizione pulsionale (sessuale, creativa o culturale che sia) nelle persone che ne possono beneficiare. 

Kalium bromatum: per foruncoli pustolosi con dolori brucianti quando vengono fuori; localizzazione di preferenza a viso e spalle, con caratteristica simmetricità nell' uscire (se cioè esce un foruncolo in un punto di una guancia, generalmente ne esce un altro nel punto più o meno corrispondente della guancia opposta).

Eugenia jambosa: foruncoletti papulosi, spesso centrati da un punticino bianco, circondato da pelle molto sensibile e dolente.

Arnica: foruncoli induriti e dolenti, con colore quasi bluastro delle lesioni; prima di uscire, la zona è molto dolente, e l'uscita è in genere simmetrica.

Selenium: da usare per l'acne microcistica, cioè per quei piccoli foruncoletti sotto pelle disseminati su tutto il viso, che talora “scoppiano”, e talora invece rimangono cistici a creare la pelle “carta vetrata”; sono spesso associati a punti neri e comedoni, con pelle globalmente molto grassa.

Ledum palustre: da usare in associazione ad altri, per la localizzazione sulla radice del naso e sulla fronte.

Sepia: come Ledum, per localizzazioni al mento.

Fitoterapia

Una formulazione per il trattamento delle lesioni cutanee (ulcere, piaghe, eritema, piccola ustione, arrossamento da sole, abbronzatura eccessiva) e per la regolazione dell'acne è il Colostro, utilizzabile anche per applicazioni sulla pelle in forma liquida. Altre preparazioni come Ciderma o specifiche creme alla calendula hanno sia azione rinfrescante che antinfettiva. 

Altri tipi di trattamento fitoterapico prevedono invece l'uso di gemmoderivati (adatti solo in assenza di un'intolleranza ai lieviti) come Ulmus campestris 1D, da prendere per due volte al giorno; se questo non è sufficiente, va associato a Juglans regia 1D, 30-40 gocce dell'uno e 30-40 gocce dell'altro. L'olio essenziale di Melaleuca, potente antinfettivo e antifungino può essere usato per via generale prendendone a stomaco pieno (vedi filmato) 3-4 gocce una o due volte al giorno per cicli di 15 giorni.

Per applicazioni locali, si faranno delle toccature dello stesso olio essenziale di Melaleuca (Tea tree oil), eventualmente miscelato, in quantità uguali, con olio Essenziale di Lavanda

È bene inoltre lavarsi il viso con un sapone alla Calendula.

Oligoelementi

L'oligoelemento più attivo, sia in termini preventivi, sia in termini curativi, è la associazione di oxiprolinati di Manganese-Rame-Zinco (di cui prendere un misurino da 2,5 ml al giorno) per stimolare l'azione antinfettiva oppure una composizione come Oximix 1+ di cui prendere ogni giorno 2,5 ml anche per periodi prolungati. Utile anche l'associazione di Vitamina C e Selenio, come quella presente in Selenio Vitamina C, di cuiprendere 2,5 ml al giorno. 

Una delle vitamine più utili per la pulizia della pelle è l'inositolo, che svolge una funzione depurativa sul fegato e ripulisce la pelle. Spesso ne suggeriamo dei cicli terapeutici di 10-15 gioni ogni 2-3 mesi prendendo 1 grammo di inositolo prima dei tre pasti (cioè tre grammi al giorno, che corrispondono in genere a 3 compresse al dì di Zerotox Inositox, ma il dosaggio, in alcuni casi può essere anche maggiore)

L'importanza di un supporto antiossidante, oltre che dall'apporto di vitamina C, è legata alla utilizzazione di particolari miscele, come Stimun-Ox 800 (a base di acido lipoico, NAC, luteina e zinco) da prendere a lungo (1 tavoletta al dì) al mattino prima di prima colazione o la sera prima di andare a letto. 

Altro

Se non ci sono particolari reazioni ai lieviti (e nell'acne sono molto frequenti) il trattamento con probiotici o fermenti lattici può essere utile.

Inoltre per l'applicazione cutanea è utilissimo un vecchio rimedio della medicina che deve essere preparato dal farmacista. Si tratta della Soluzione forte di Dalibour, una delle preparazioni più interessanti per il trattamento locale dell'acne e della foruncolosi e nota ai farmacisti da molto tempo, che sfrutta la utilizzazione del rame e dello zinco (tra i più importanti stimolatori del sistema immunitario) da applicare localmente sulla pelle.

Attualmente la formulazione più recente, che sfrutta la utilizzazione degli oxiprolinati, minerali con alta assorbibilità soprattutto a livello cutaneo, prevede questa formulazione: 

- Oxiprolinato di Lisina 1 grammo
- Oxiprolinato di Zinco 2,5 grammi
- Oxiprolinato di Rame 1,4 grammi
- Zafferano 0,1 grammo
- Canfora 0,1 grammo
- Acqua depurata 94,5 grammi (per 100 grammi di preparazione) 

Tale miscela può essere usata localmente, sul viso, per una o due volte al giorno. Di solito si parte con 2 volte al giorno, e in seguito si passa invece a una sola volta al giorno, appena la situazione clinica migliora. La vecchia preparazione dell'acqua di Dalibour, era invece composta dal farmacista con questa composizione:

- Solfato di Rame 10 g
- Solfato di Zinco 35 g
- Tintura di zafferano 1g
- Soluzione alcolica concentrata di Canfora 10 g
- Acqua quanto basta a 1000 cc 

 Si può trattare con 2 applicazioni al giorno di questo liquido anche l'impetigine.

Prevenzione

Prevenire l'acne è possibile nella misura in cui sul piano alimentare si inizi a lavorare con il controllo della resistenza insulinica e con la riduzione della infiammmazione causata dalle intolleranze alimentari. Seguire quindi il sistema alimentare DietaGIFT e individuare le proprie intolleranze alimentari attraverso RecallerProgram è la base per potere ragionare sul controllo dei sintomi. 

L'assunzione di un antiossidante come Stimun-Ox 800 (a base di acido lipoico, luteina e zinco) può essere di supporto. Cicli di Inositolo al dosaggio di 2-3 grammi al giorno (con azione depurativa) per 15 giorni ogni 3 mesi sono pure di forte utilità.

Allergologo e Immunologo Clinico

Arrossamento  Pelle  Dermatite 

SINTOMI & MALATTIE: dalla A alla Z

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    da 171 malattie presenti

    VEDI ANCHE...

    Alimentazione & Sport

    Mangiare bene fa la pelle bella: l'infiammazione e l'acne

    L'acne affligge migliaia di ragazzi. Sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics si ricorda come l'alimentazione e l'infiammazione...

    Malattie & Cura

    Di acne si guarisce

    L'acne è un disturbo diffusissimo, che spesso compromette in maniera importante la vita sociale di chi ne soffre. Oggi le...

    Alimentazione & Sport

    Acne: agire alla radice per risolvere il problema

    Un articolo di Corriere Salute riporta l'attenzione sulla vera causa dell'acne, quella infiammatoria di base e non legata al singolo...

    Intolleranze & Allergie

    Un pinzimonio di effetti positivi: perché ci piacciono frutta e verdura

    Prevenzione dell'influenza, stimolo del sistema immunitario, azione antiallergica, ma anche controllo dell'impatto glicemico e stimolo al dimagrimento, oltre che controllo...

    Malattie & Cura

    Il foruncolo: un segnale di dissenso

    Un foruncolo che ci "deturpa" il naso è qualcosa di più di un fastidio estetico. E' un segnale mandatoci dall'organismo...

    Malattie & Cura

    Indice glicemico elevato, acne assicurato!

    Sempre più dati confermano la stretta correlazione tra dieta e acne. I due principali accusati sono il latte e i...

    Malattie & Cura

    Rischio di Parkinson in chi è ghiotto di latte e latticini

    Che il latte faccia bene è una leggenda che, col passare del tempo, appare sempre più infondata. Gli adulti in...

    Malattie & Cura

    Alla base della policistosi ovarica una resistenza insulinica: possibile intervento alimentare

    La resistenza insulinica pare essere una caratteristica primaria della policistosi ovarica, geneticamente determinata nei soggetti magri, e probabilmente indotta dalla...

    Intolleranze & Allergie

    Quei segni sul viso lasciati da latte e formaggi: altre evidenze del rapporto acne/latticini

    Sono sempre più evidenti le relazioni tra acne degli adolescenti e consumo di latte. L'evidenza che abbiamo sostenuto per anni,...

    Malattie & Cura

    Quando la pillola fa venire il mal di testa

    La “pillola” è usata oggi per molte situazioni, e non solo come anticoncezionale: come “regolatore” ormonale, per trattare l'acne o...

    Malattie & Cura

    Confermato il rapporto tra acne e assunzione di latte

    Nuove speranze per gli adolescenti (e gli adulti) che soffrono di inestetismi cutanei e di acne. Una dieta che controlli...

    Alimentazione & Sport

    L'ovaio policistico con il suo corredo di acne, alterazioni ormonali dipende dall'alimentazione

    Bilanciando la quantità di carboidrati e di proteine che si mangiano e migliorando la qualità della attività fisica si può...

    I NOSTRI ESPERTI
    L'ESPERTO RISPONDE