Intolleranze alimentari ed emicrania: una nuova via per guarire


di Attilio Speciani
28 Febbraio 2011

Una cosa è l'emicrania da ristorante cinese (legata all'eccesso di glutammato nei cibi) o l'emicrania scatenata dal cioccolato o dal vino. Tutti la hanno sempre riconosciuta come un dato di fatto legato all'eccesso di alcune sostanze presenti in uno o nell'altro cibo.

L'emicrania da intolleranza alimentare invece, legata cioè all'uso ripetuto di cibi comuni, ha sempre rappresentato un tema controverso. Non capiamo per quale motivo, ma riconoscere che l'emicrania e il mal di testa dipendano da come mangia una persona sembra essere uno sgarbo nei confronti della utilizzazione farmacologica.

Eurosalus ha sempre sostenuto questa tesi e nella nostra pratica clinica, anche sulla base di lavori già esistenti, abbiamo sempre affrontato le cefalee e le emicranie ricorrenti cercando di ridurre, attraverso l'alimentazione, lo stato infiammatorio indotto dalla reazione immunologica agli alimenti.

Il lavoro pubblicato alla fine di luglio su Cephalalgia (una delle riviste internazionali più importanti nel campo dell'emicrania) è invece uno di quei lavori impostati in modo assolutamente inequivocabile (Alpay K et al, Cephalalgia. 2010 Jul;30(7):829-37. Epub 2010 Mar 10). Si tratta di un lavoro randomizzato, controllato ed effettuato in doppio cieco, sfruttando la diagnosi di intolleranza alimentare proveniente da un test IgG. Si valuta cioè la presenza di un certo tipo di anticorpi, quelli attivati nella via alternativa dell'allergia, che sono espressione di una allergia alimentare ritardata.

I soggetti che hanno controllato i cibi indicati dal test IgG hanno avuto una importante e significativa riduzione della frequenza e della durata degli attacchi emicranici. Un test IgG, come quello impostato in molte farmacie italiane con RecallerProgram, consente quindi di modulare la risposta infiammatoria e di ridurre l'utilizzazione farmacologica oltre che, come avviene in molti casi, aiutare l'organismo a guarire dalla propria condizione di sofferenza.