L'esperto risponde


Valentina Chiozzi

Risposta di Valentina Chiozzi


mercoledì, 22 febbraio 2012 13:51

Cosa mangiare dopo un intervento alla cistifellea?

Domanda

Buongiorno, a breve dovrò operarmi per asportare la cistifellea. Devo poi seguire una dieta particolare? Grazie,

Risposta

Caro lettore, anzitutto spieghiamo che l'intervento cui sarà sottoposto si chiama tecnicamente colecistectomia e consiste, appunto, nell’asportazione della colecisti o cistifellea, un organo digestivo annesso al fegato. Per semplificare, si può immaginare la colecisti come una specie di sacchetto, la cui funzione è quella di accumulare e concentrare la bile. Questa è una sostanza prodotta dal fegato tra un pasto e l'altro, accumulata nella cistifellea e rilasciata nel duodeno (tratto iniziale del dell'intestino tenue), dove contribuisce alla digestione e all'assorbimento dei grassi e di altre sostanze provenienti dalla dieta.

In seguito all’asportazione della cistifellea, la digestione non viene compromessa, ma viene a mancare l'attività di raccolta della bile, che passa nell'intestino in quantità un po' più elevata, causando, in alcuni casi, l’emissione di feci liquide e più raramente diarrea. Solitamente questo fenomeno si verifica nei giorni successivi all’intervento, a causa dell’effetto lassativo degli stessi sali biliari, e si risolve nel giro di qualche settimana.

In una prima fase sarà utile limitare gli alimenti irritanti come il caffè, il cioccolato, le spezie, gli alcolici, i grassi cotti, i formaggi, i salumi, i fritti, le uova, il burro, la margarina, le carni affumicate e la frutta secca. Si consiglia di preferire i cereali integrali (riso, pasta, pane tostato ecc.), gli alimenti ricchi di fibre (verdura e frutta) e le proteine digeribili del pesce e della carne bianca. Superata questa fase, si potranno reintrodurre gradualmente anche i cibi un po’ più ricchi di grassi come la frutta secca, le uova, i latticini e ritornare ad un’alimentazione normale.

Come sempre, quando si parla di dieta, bisogna tener conto di una certa soggettività: alcune persone infatti, dopo l’asportazione della colecisti, recuperano velocemente e riescono a digerire qualunque alimento, mentre altri lamentano difficoltà e devono verificare con un po’ più di attenzione la tollerabilità dei cibi. In questi casi, è importante consultare il proprio medico, che valuterà la possibilità di affiancare alla dieta integratori alimentari a base di carciofo, boldo e cardo mariano, utili per depurare o stimolare il fegato.

Nutrizionista

Colecisti Dieta Domanda

POST PRECEDENTI...

Risponde Valentina Chiozzi

Grassi e infiammati o infiammati e grassi?

Qualche suggerimento per uscire da un apparente circolo vizioso: ridurre l'infiammazione e fare attività fisica per dimagrire.

Risponde Valentina Chiozzi

La fermentazione nascosta

Qualche suggerimento pratico per evitare le fermentazioni durante le preparazioni casalinghe.

Risponde Valentina Chiozzi

Come rimediare ad una serata di eccessi alimentari?

Qualche suggerimento per depurare l’organismo e ritornare lucidi ed efficienti dopo i bagordi di una sera tra amici.

Risponde Valentina Chiozzi

Voglia di qualcosa di buono o dipendenza da zucchero?

Come godersi qualcosa di dolce senza diventare "sugar addicted". Conosciamo i meccanismi biochimici che regolano la "voglia di dolce".

Risponde Valentina Chiozzi

Ipersensibilità alimentari: la scelta del test per identificarle

La scelta del test per individuare le ipersensibilità alimentari non è facile. Fare chiarezza sul significato di infiammazione da cibo e su come valutarla è...

I NOSTRI ESPERTI
L'ESPERTO RISPONDE

SINTOMI & MALATTIE

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    171 malattie presenti