L'esperto risponde


Gabriele Piuri

Risposta di Gabriele Piuri


martedì, 8 maggio 2012 10:20

Porpora di Schönlein Henoch: cosa fare?

Domanda

Salve, mio figlio (10 anni) è stato colpito dalla porpora di Schönlein Henoch. Le cure sono state a base di cortisone, Ciclofosfamide, Azatioprina ma ora sta bene. Deve solo continuare con l'azatioprina e il cortisone. Mi è stato consigliato di rafforzare le sue difese immunitarie. Come posso fare? Grazie

Risposta

Gentilissima Lettrice,
prima di tutto è importare ricordare che solitamente la sindrome di Schönlein Henoch nei soggetti di giovane età decorre in maniera benigna. La complicanza più importante di questa patologia è il deposito a livello del rene di anticorpi che attivano una risposta immunitaria aspecifica che può danneggiare il rene. Fortunatamente i bambini in genere alla fine della malattia riconquistano una piena funzione renale.

A seconda della gravità e della importanza della sintomatologia sarà il pediatra a scegliere la modalità migliore di intervento sfruttando l’azione antinfiammatoria e immunosoppressiva di farmaci come i cortisonici, la Ciclofosfamide e l’Azatiprina. In affiancamento a questo è utile intervenire riducendo l’infiammazione da cibo. Per approfondire il quadro immunologico è importante sottoporre il bambino a un RecallerProgram per identificare le eventuali ipersensibilità alimentari. Su questa base si imposterà una dieta per il recupero della tolleranza immunologica e la riduzione dell’infiammazione generali dell’organismo. Questa modalità di intervento rappresenta probabilmente il modo migliore per rafforzare le difese immunitarie di tuo figlio.

A differenza degli adulti, i bambini dimostrano una grande capacità di recupero e posseggono un sistema immunitario reattivo e ancora perfettamente modulabile. Ecco perché spesso bastano piccoli accorgimenti per migliorare sensibilmente la situazione.

Ad esempio è utilissimo mangiare prima di ogni pasto un pezzetto di frutta o verdura non cotta e non condita. Questa semplice abitudini, che solitamente descriviamo con il motto di “crudo, vivo e colorato” nella nostra pratica clinica, è spesso utilissima nei bambini e permette, in affiancamento a una dieta di rotazione sulle personali allergie alimentari ritardate, di recuperare la tolleranza alimentare e ridurre l’infiammazione.

In affiancamento alla terapia alimentare spesso è d’aiuto l’utilizzo di una corretta integrazione minerale. Ad esempio è possibile utilizzare 2,5 ml di un prodotto come Oximix 1+ tutte le mattine a prima colazione per cicli terapeutici di circa un mese serenamente ripetibili. Minerali come il rame, lo zinco e il manganese svolgono una potente azione di stimolo sul sistema immunitario e sono utilissimi in situazioni come quella descritta.

Utile anche l’utilizzo dell’olio di perilla per la sua spiccata azione antinfiammatoria. Si utilizzeranno 1-2 perle al giorno fino a un massimo di 1 grammo distribuito nel corso della giornata e per cicli di circa 15 giorni anche ripetibili.

Domanda Rimedi naturali Schonlein henoch

POST PRECEDENTI...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Prevenzione invernale: cosa fare con l'arrivo del freddo?

Ecco una carrellata di tutti rimedi utili per prevenire le malattie invernali con consigli pratici per decidere quali utilizzare.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Oligoelementi: anche per i più piccoli?

Spesso l'integrazione minerale è più che sufficiente a ridurre sensibilmente la frequenza di malattie da raffreddamento anche nei più piccoli. Senza dimenticare l'importanza di frutta...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Fibromialgia: come ridurre l'infiammazione?

La fibromialgia è una patologia multifattoriale che deve essere affrontata da prospettive differenti con l'obiettivo di ridurre l'infiammazione e mettere l'organismo nelle condizioni migliori per...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Ovaio policistico: meglio fare attività fisica

Contro una patologia come la policistosi ovarica il cambio di stile di vita è fondamentale per ridurre la resistenza insulinica.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

La dieta può aiutare contro il Morbo di Crohn?

In caso di Morbo di Crohn una corretta impostazione alimentare rappresenta una valido supporto alla terapia farmacologica: ecco qualche suggerimento.

I NOSTRI ESPERTI
L'ESPERTO RISPONDE

SINTOMI & MALATTIE

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    171 malattie presenti