L'esperto risponde


Gabriele Piuri

Risposta di Gabriele Piuri


lunedì, 4 aprile 2011 11:19

Colon irritabile: quali soluzioni offre l'omeopatia?

Domanda

Buongiorno, mi è stata diagnosticata una probabile sindrome del colon irritabile (meteorismo, stitichezza, raramente dolori addominali). Ho eseguito il test intolleranze in ospedale solo su 45 alimenti. Risultato: intolleranza al latte, carota, salmone. Pur eliminandole dalla dieta i miglioramenti sono stati scarsi. Quali altri test potrei fare per avere certezze maggiori in fatto di intolleranze? Sono di base un soggetto allergico (orticaria dall'età di 2 anni, certe le cause dopo con assunzione di alcuni antibiotici, argilla verde, e con episodi di bronchite). Se il colon irritabile ha come causa l'alimentazione, è possibile la guarigione? In attesa, i miei piu cordiali saluti.

Risposta

Gentilissima Lettrice,

l'equilibrio dell'intestino è strettamente connesso a quello che si mangia. Quando si parla di colon irritabile è fondamentale prima di tutto ricordare l'importanza di un'attenta masticazione. In questo modo i cibi sono digeriti con maggior efficacia riducendo l'eventuale fermentazione intestinale responsabile del senso di gonfiore e ripienezza. Anche le fibre rivestono un ruolo importante nella salute dell'intestino. Proprio per questo il loro utilizzo è raccomandato anche alle persone che soffrono di colon irritabile. Con estrema gradualità si sostituiranno gradualmente i cerali bianchi con la loro controparte integrale: si utilizzerà quindi pasta integrale, riso integrale, biscotti integrali, pane integrale ecc.

Per quanto riguarda il test che hai già eseguito in ospedale non devi preoccuparti rispetto al numero delle sostanze testate. Nella nostra pratica clinica siamo convinti che sia necessario interpretare ogni test diagnostico alla luce dei grandi gruppi alimentari. Per intenderci: se una persona è intollerante al vino, al formaggio e al pane (tutti alimenti fermentati) seguirà una dieta per il recupero della tolleranza immunologica sulla categoria degli lieviti che comprende alimenti che magari non sono nemmeno stati destati come ad esempio i funghi, l'aceto e i grissini (che appartengono anche loro alla classe dei lieviti).

Secondo la nostra logica il controllo delle intolleranze alimentari deve passare per una dieta di rotazione settimanale (e mai di eliminazione) che rispecchi lo svezzamento infantile. Solo in questo modo è possibile rieducare il sistema immunitario verso la riconquista della tolleranza.

In chiave omeopatica è possibile utilizzare rimedi diversi a seconda delle modalità tipiche di presentazione. Ad esempio si sceglierà Nux vomica 9 CH in caso di alternanza di diarrea e stitichezza in persone stressate da una vita lavorativa intensa e senza sosta. Diversamente si preferirà un rimedio come Argentum nitricum 9 CH se le manifestazione intestinali sono connesse con la tremarella tipica di momenti stressanti come un esame o il parlare in pubblico.

Del rimedio scelto si utilizzeranno 3-4 granuli 2 volte al giorno per cicli di circa 20 giorni serenamente ripetibili a distanza di un mese.

Utilissimo in caso di colon irritabile il magnesio, che è un ottimo regolatore della funzione intestinale. Il magnesio agisce elettivamente a livello muscolare riducendo la contrattura muscolare e favorendo il fisiologico transito delle feci. Si utilizzeranno 2 compresse al giorno di un prodotto come Oligo Mag Plus per cicli di circa un mese tranquillamente ripetibili.

Fibre Colon Intestino Intolleranze

POST PRECEDENTI...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Influenza: come prevenirla con l'omeopatia?

L'omeopatia è estremamente utile nella prevenzione delle malattie da raffreddamento: ecco come utilizzarla per resistere all'abbassamento delle temperature.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Come curare la tosse aiutati dalla natura?

Ecco come prevenire la tosse e i malanni di stagione e come affrontarli in fase acuta con i giusti rimedi naturali pronti all'uso.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Herpes e afte: come potenziare il sistema immunitario?

Ecco qualche suggerimento utile per ridurre la frequenza di afte e herpes labiali.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Prevenzione invernale: cosa fare con l'arrivo del freddo?

Ecco una carrellata di tutti rimedi utili per prevenire le malattie invernali con consigli pratici per decidere quali utilizzare.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Oligoelementi: anche per i più piccoli?

Spesso l'integrazione minerale è più che sufficiente a ridurre sensibilmente la frequenza di malattie da raffreddamento anche nei più piccoli. Senza dimenticare l'importanza di frutta...

I NOSTRI ESPERTI
L'ESPERTO RISPONDE

SINTOMI & MALATTIE

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    171 malattie presenti