L'esperto risponde


Gabriele Piuri

Risposta di Gabriele Piuri


domenica, 6 marzo 2011 12:16

Aiuto ho le verruche: come posso fare?

Domanda

alve, ho 31 anni e ho delle fastidiose verruche sul braccio e volto. Sono piccolissime, come gocce di cera, trasparenti. Sto assumendo Dulcamara 5 CH 10 granuli al giorno. La cura sta durando da 8 giorni e ho notato un aumento delle verruche. Ho letto che è normale ma adesso cosa devo fare? Quanto dura il peggioramento? Devo interrompere Dulcamara? Quando spariranno? Vi prego ho bisogno di una risposta. Devo preoccuparmi? Grazie di cuore.

Risposta

Gentilissima Lettrice,

prima di tutto è importante ricordare che nelle cure omeopatiche non è tanto importante la dose quanto la frequenza di assunzione. Solitamente in casi come questo si consiglia l'assunzione di 3-4 granuli 2-3 volte al giorno. La terapia deve essere portata avanti per cicli terapeutici di circa 20 giorni da ripetere a distanza di un mese fino alla completa scomparsa delle verruche.

In molti casi i rimedi omeopatici determinano una transitoria accentuazione dei fenomeni in una logica di eliminazione. Dal punto di vista terapeutico quindi l'aumento del numero delle verruche è un dato positivo (confermando l'efficacia del rimedio) e solitamente si risolve nel giro di pochi giorni.

In una logica pluralista per casi come questo è possibile utilizzare un tubo dose di Thuya 30 CH da prendere tutto insieme. Si ripeterà l'assunzione del rimedio a distanza di un mese per tre mesi consecutivi. L'utilizzo di un medicinale omeopatico come Thuya permette di lavorare sul tuo terreno costitutivo modulando l'azione diretta di Dulcamara.

Manifestazione come le verruche sono espressione di una ridotta capacità del sistema immunitario di tenere a bada le infezioni virali. Proprio per questo è importante intervenire per migliorare le capacità di difesa dei tuoi globuli bianchi. Utilissima è l'integrazione con un misurino al giorno di Oximix 2+. Il giusto bilanciamento di minerali come lo zinco, il rame, il manganese e il selenio unito alla potente azione antiossidante del resveratrolo è di grande importanza nella salute della pelle e per migliorare le potenzialità difensive del tuo sistema immunitario.

Sul piano dell'alimentazione è importante una regolare assunzione di frutta e verdura. Ricordiamo che l'OMS (Organizzazione Mondiale della Salute) raccomanda almeno 5 porzioni di frutta e verdura freschi al giorno. In quest'ottica è di grande aiuto una semplice abitudine che nella nostra pratica clinica siamo soliti chiamare con il motto di “crudo, vivo e colorato”. Questo significa semplicemente mangiare prima di ogni pasta un pezzetto di frutta o verdura non cotta e non condita. Basta davvero un morso di mela, un pezzo di banana, una fragola, del sedano o una forchettata di insalata non condita.

Oltre ad abituare chiunque a mangiare frutta e verdura questa semplice tecnica è di grande aiuto nel mantenimento e nel recupero della tolleranza immunologica.

Pelle Verruche

POST PRECEDENTI...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Oligoelementi: anche per i più piccoli?

Spesso l'integrazione minerale è più che sufficiente a ridurre sensibilmente la frequenza di malattie da raffreddamento anche nei più piccoli. Senza dimenticare l'importanza di frutta...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Fibromialgia: come ridurre l'infiammazione?

La fibromialgia è una patologia multifattoriale che deve essere affrontata da prospettive differenti con l'obiettivo di ridurre l'infiammazione e mettere l'organismo nelle condizioni migliori per...

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Ovaio policistico: meglio fare attività fisica

Contro una patologia come la policistosi ovarica il cambio di stile di vita è fondamentale per ridurre la resistenza insulinica.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

La dieta può aiutare contro il Morbo di Crohn?

In caso di Morbo di Crohn una corretta impostazione alimentare rappresenta una valido supporto alla terapia farmacologica: ecco qualche suggerimento.

Risponde Dott. Gabriele Piuri

Come leggere gli esami della tiroide?

Ecco tutte le indicazioni utili per comprendere il significato dei più comuni esami tiroidei con qualche suggerimento per stimolare il buon funzionamento della tiroide.

I NOSTRI ESPERTI
L'ESPERTO RISPONDE

SINTOMI & MALATTIE

  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
    171 malattie presenti